Vinitaly si farà! Il coronavirus non ferma la fiera del vino di Verona

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È una buona dose di ottimismo in questi giorni così concitati e va bene così: Veronafiere conferma le date della 54esima edizione di Vinitaly, che dunque si svolgerà regolarmente da domenica 19 a mercoledì 22 aprile, tutto il tempo per debellare il famigerato Coronavirus.

Lo spostamento deciso dal Cda: le tempistiche delle operazioni di allestimento e logistica delle manifestazioni sono incompatibili con le disposizioni nazionali e regionali in materia di Covid19”, si legge in un post su Facebook del polo fieristico di Verona, che tuttavia in un altro comunicato annuncia di dover posticipare per il momento il Model Expo Italy, l’Elettroexpo e l’Innovabiomed.

Quanto all’evento annuale dedicato al vino, mentre il Salone del Mobile di Milano viene anch’esso rimandato e decine di musei e teatri chiusi, la decisione del Cda di Veronafiere rappresenta un importante segnale di svolta in questa psicosi collettiva, tra l’altro da parte di una delle prime regioni a registrare cittadini contagiati.

Il mondo del vino italiano già in passato ha dato un segnale positivo di svolta. Veronafiere è convinta che, anche in questa occasione, il settore potrà contribuire alla ripresa della nostra economia e a rilanciare un clima di fiducia nel Paese – sottolinea il direttore generale Giovanni Mantovani. Siamo consapevoli delle difficoltà del momento e dell’immagine distorta dell’Italia percepita all’estero, ma siamo persuasi che l’emergenza rientrerà consentendoci di organizzare regolarmente la manifestazione, che rappresenta il traino per il vino italiano nel mondo”.

La questione sulla temutissima infezione, insomma, non può e non deve farci mollare: una volta accolto il parere confortante degli esperti, spenta magari la tv e ripreso il contatto con la realtà, una domanda dobbiamo porcela: cosa ci rimarrà dopo questa ondata di contagi?

È pur vero che, ahinoi, dovremo ancora combattere e probabilmente attendere anche il fatidico picco, ma non sta a noi a dirlo, per tutto quello che ci passa sotto gli occhi di positivo di tutta questa storia ben venga.

Continuiamo così!

Fonti: Veronafiere / Veronafiere SpA – Fiera di Verona

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook