Sprechi alimentari: nella pattumiera 2,4 kg di cibo ogni mese a famiglia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi 5 febbraio è la Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare. In Italia, quest’ultimo vale quasi 16 miliardi, di cui 12 nelle nostre case. Lo rivelano i dati Waste Watcher presentati alla Fao.

Secondo l’analisi, nelle case degli italiani finiscono più speso nella spazzatura le bevande analcoliche, i legumi, la frutta fresca, la pasta fresca ma anche pane e verdure.

La buona notizia è che siamo sempre più sensibili al tema, per questo 2 italiani su 3, pari al 64% degli intervistati, gettano il cibo solo una volta al mese (16%) o persino più raramente (48%). Il 15% lo fa una volta alla settimana e il 13% ogni due settimane, solo l’1% dichiara di sprecare quotidianamente il cibo.

Siamo sulla buona strada se si considera che questi dati, messi a confronto con quelli del biennio 2014/2015, mostrano che allora 1 italiano su 2 gettava il cibo ogni giorno. Oggi inoltre, 4 italiani su 10 (il 38%) hanno imparato a gestire meglio il cibo acquistato.

Lo spreco di cibo supera tutti gli altri

Nonostante gli sforzi e il miglioramento, lo spreco di cibo continua a essere in testa alla classica negli ultimi 5 anni, superando gli sprechi idrici, energetici o monetari. In altre parole, il settore alimentare è quello in cui il 74% degli italiani spreca di più.

Parlando di spreco “percepito” e non monitorato realmente in casa, secondo gli italiani in casa si gettano 2,4 kg di cibo ogni mese a famiglia (circa 600 grammi settimanali), per un valore corrispettivo di 28 €.

Le soluzioni adottate

Come si corre ai ripari? Secondo l’analisi di Waste Watcher, il 65% degli italiani controlla il contenuto della propria dispensa prima di fare la spesa, il 61% congela il cibo a rischio deperibilità e il 54% cerca di cucinare la quantità di cibo che va consumata nell’immediato.

La cucina degli avanzi è praticata da un italiano su 2, ma solo 1 su 3 (34%) richiede al ristorante una bag per trasportare a casa il cibo che non ha consumati.

Dove compriamo

Anche le abitudini di acquisto influiscono sugli sprechi. I negozi al dettaglio sono sempre meno frequentati dai consumatori (18%), così come il mercato (15%) a favore della supremazia dei supermercati frequentati da 7 italiani su 10 e degli ipermercati (3 italiani su 10). Aumentano anche gli acquisti online, praticati dall’8% degli intervistati.

altan sprechi2

Le vignette di Altan

In occasione della Giornata contro lo spreco alimentare, alla Fao saranno in mostra alcune opere di Altan sul tema. L’artista, con la sua inimitabile ironia, ci mostra i nostri errori e ci invita a riflettere su quanto sia importante razionalizzare i consumi, a partire dalla tavola.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook