Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2013: al via le adesioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono aperte le adesioni alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2013. L’iniziativa, che quest’anno giunge al quinto appuntamento, si svolgerà dal 16 al 24 novembre. Per partecipare, si accettano iscrizioni fino al 15 ottobre. Tra i promotori dell’iniziativa troviamo il Ministero dell’Ambiente, la Provincia di Roma, la Provincia di Torino, Federambiente e Legambiente.

La settimana dedicata alla riduzione dei rifiuti fa parte di un progetto della Commissione Europea, nato per sensibilizzare al tema dei rifiuti non soltanto i cittadini, ma anche le istituzioni, le aziende e i politici. È necessario che l’Italia e tutta l’Europa rispettino le normative vigenti, con la collaborazione dei consumatori e di tutte le parti in gioco.

L’Italia, in occasione della SERR 2012, ha organizzato oltre 5000 iniziative. Si tratta di un vero e proprio record che le ha permesso di aggiudicarsi il primo posto tra i Paesi europei partecipanti, che lo scorso anno sono stati in totale 27. Nel 2009 le azioni messe in campo erano state circa 3000. In pochi anni sono stati fatti grandi passi avanti e con la nuova edizione della SERR sarà possibile incentivare i cittadini e le imprese ad un maggiore impegno nella riduzione dei rifiuti.

Sul sito web www.menorifiuti.org sono già disponibili la Carta di partecipazione e la Scheda di adesione all’iniziativa. Potranno partecipare, organizzando le proprie azioni secondo il regolamento previsto: privati cittadini, amministrazioni e autorità pubbliche, aziende e industrie, associazioni e Ong, istituti scolastici ed altre realtà, come ospedali, case di riposo e centri culturali.

Secondo il regolamento, l’azione dovrà avere luogo unicamente all’interno della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti tra il 16 e il 24 novembre 2013 incluso. Tuttavia, l’azione può consistere nella presentazione di azioni di riduzione messe in atto anteriormente. Le iniziative proposte dovranno porre l’accento sulla prevenzione della produzione dei rifiuti a monte della raccolta.

Si potranno, ad esempio, organizzare, azioni di miglioramento della qualità del materiale raccolto con l’obiettivo di prevenire e minimizzare gli scarti ed aumentare il riciclo e/o azioni di miglioramento della raccolta differenziata, con l’obiettivo di raggiungere i traguardi minimi di legge, ma solo in abbinamento con azioni tesi a ridurre i rifiuti alla fonte, che mirino a creare una coscienza condivisa sulla necessità e l’urgenza di ridurre la quantità di rifiuti prodotti.

Attenzione a non andare fuori tema. Il regolamento avverte che qualunque azione proposta che verterà interamente su un tema differente da quelli previsti sarà rigettata. Per esempio, le azioni basate sull’incenerimento o sul recupero energetico dei rifiuti saranno rifiutate e non potranno aderire all’iniziativa. Per ulteriori informazioni e per scaricare le schede di adesione e partecipazione, è possibile visitare il sito web della campagna Meno Rifiuti.

Marta Albè

Leggi anche:

Al via la Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti 2012

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook