Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti: più consapevolezza, meno sprechi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi parte la prima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (European Week for Waste Reduction, 21-29 novembre 2009), un evento collettivo promosso dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Life + e che in Italia ha ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L’evento è stato ideato per sensibilizzare i cittadini dell’UnioneEuropea riguardo agli sprechi determinati ogni giorno da uno stile di vita poco sostenibile e per indurli a scelte di consumo più attente e consapevoli.

La Settimana Europea per la Riduzioni dei Rifiuti è stata istituita ufficialmente quest’anno dopo il successo ottenuto nel 2008 da una sorta di manifestazione-pilota promossa a livello internazionale dal network europeo ACR e dall’agenzia ministeriale francese ADEME. Tale rassegna “di prova” (che si è svolta dal 22 al 30 novembre 2008) aveva visto l’adesione spontanea di tantissime organizzazioni e cittadini. Per l’edizione 2009, l’obiettivo degli organizzatori è di migliorare i risultati conseguiti lo scorso anno, anche grazie ad una più ampia proposta di iniziative nei paesi aderenti (Italia, Belgio, Portogallo, Gran Bretagna, Spagna e Francia).

Come vi avevamo anticipato qualche tempo fa, nelle ultime settimane pubbliche amministrazioni, enti locali, associazioni, ONG, imprese, istituti scolastici ed altri soggetti (come ospedali e istituti culturali) hanno potuto presentare il proprio progetto di evento ad uno dei comitati promotori nazionali. I progetti dovevano vertere intorno ad uno dei seguenti temi: la produzione di materiali eco-compatibili; il consumo attento e responsabile; la riduzione dei rifiuti; come allungare la vita degli oggetti.
Del Comitato Nazionale Italiano, che ha avuto il compito di giudicare tali proposte e di stabilire il calendario delle attività (circa 140) regione per regione, fanno parte l’Osservatorio Nazionale Rifiuti, la Provincia di Torino, Rifiuti 21 Network, Federambiente, la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale), Legambiente, ERICA Soc. Coop. (Educazione Ricerca Informazione Comunicazione Ambientale), Eco dalle Città.
Anche i normali cittadini sono stati chiamati a partecipare alla Settimana, postando sull’apposita bacheca le soluzioni virtuose che hanno studiato per ridurre i rifiuti ed eliminare gli sprechi nella loro vita di tutti i giorni. Tali iniziative mostrano come la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti sia un invito rivolto a ciascuno di noi, affinché riflettiamo sul nostro approccio ai consumi e ci sforziamo di modificarlo, di renderlo meno dispendioso in termini di risorse e meno gravoso per l’ambiente che ci circonda.
La Settimana verrà aperta ufficialmente dalla Conferenza Europea per la Riduzione dei Rifiuti che si terrà a Girona, in Spagna, il 24 e il 25 novembre.

Lisa Vagnozzi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook