Pasta Madre Day 2013: il 2 febbraio tutti con le mani in pasta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Non stare con le mani in mano, mettile in pasta!”. Tra poco meno di una settimana, il prossimo 2 febbraio, in tutta Italia, si festeggia, infatti, il Pasta Madre Day 2013, la festa nazionale del lievito madre organizzato dalla Comunità del Cibo Pasta Madre, un’associazione composta da consumatori, agricoltori, mugnai, panificatori e pizzaioli che quotidianamente si impegnano a diffondere la cultura di una filiera del pane e dei cereali sostenibile e di qualità.

Sono a oggi 67 gli eventi organizzati e registrati sul sito internet della Comunità, che porteranno migliaia di aspiranti panificatori casalinghi nelle piazze d’Italia per scambiarsi e condividere il proprio lievito madre. Senza contare che negli ultimi giorni il numero è destinato a aumentare. Ognuno di loro è diverso dall’altro, e questa estrema varietà rispecchia in pieno la biodiversità di ogni regione d’Italia, di ogni pasta madre e di ogni “spacciatore” di lievito. Molto differenziati sono anche i luoghi che ospiteranno questi eventi: si va dalle piazze ai negozi biologici, dai musei ai centri sociali, dai panifici alle librerie, passando addirittura per i centri commerciali.

pmday 2013

Ogni spazio si trasforma in un luogo di cultura, di ricordo, di risposta e di reazione alla crisi, di amore e di speranza verso un futuro di riappropriazione della propria identità e sovranità alimentare“, spiega la Comunità del Cibo Pasta Madre, aggiungendo che in un momento storico come questo, dove si continua parlare di crisi e recessione, dove le famiglie non arrivano alla fine del mese e le attività commerciali chiudono, “il Pasta Madre Day si propone come un significativo momento di risposta e di reazione. Ritornare a questi gesti (il fare il pane, il donare, lo scambio) e riscoprirne la semplicità ci porta a reagire nei confronti di un’economia che ci vuole sempre più (e solo) consumatori, e non produttori“.

A caratterizzare, inoltre, questi preziosi eventi c’è la gratuità del “gesto”. La pasta madre è, infatti, un dono: è il fine e il mezzo per portare, nella vita quotidiana di ogni famiglia, la gioia del pane fatto in casa, con i suoi profumi e i suoi ricordi. Ritornare a fare il pane in casa (buono, duraturo, digeribile e di qualità), utilizzando pasta madre e farine biologiche, macinate a pietra e locali, diventa così un gesto di resistenza, ma anche di fiducia verso il futuro. È il portare alla società il messaggio che è possibile opporsi all’omologazione dei gusti e dei sapori, prendendo il pane come esempio, in quanto base e fondamento dell’alimentazione della nostra cultura. Ecco perché è importante non stare con le mani in mano, ma metterle in pasta.

Roberta Ragni

Per consultare gli eventi organizzati per il Pasta Madre Day clicca qui

Per leggere tutti i nostri articoli sulla pasta madre clicca qui

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook