La sensazione della notte quando è giorno: l’eclissi solare totale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sfortunatamente non è stata visibile dall’Italia, perché lo spettacolo a cui oggi,  22 luglio 2009, partito alle 8 del mattino (dalle 2 di notte in Italia), gli abitanti della fascia asiatica sud-orientale hanno assistito è di quelli che toccano il cuore e la mente. L’eclissi solare totale, ovvero quando Sole Luna e Terra sono perfettamente allineate.

Stando agli esperti è stata anche molto lunga, la più lunga del XXI secolo. Non tanto per i 10.000 km che l’eclissi ha percorso, quanto per la sua durata all’apice, che in prossimità dell’isola giapponese di Iwo Jima, ha toccato i 6 minuti e 39 secondi.

Lunga, ma non la più lunga della storia. Il record si è avuto il 20 giugno 1955, sempre in Cina, quando l’eclissi durò 7 minuti e 8 secondi, poi viene quella africana del 1973 (poco sopra i 7 minuti) e quella in Messico del 1991 (6 minuti e 53 secondi). Il fenomeno si verifica ogni Saros, unità di misura che segna gli allineamenti di Sole, Luna e Terra, e che è calcolata in 18 anni, 11 giorni e 18 ore.

L’eclissi è partita dal mare Arabico, lungo le coste dell’India, quindi con un angolo di sovrapposizione non estremamente significativo. Ha continuato lungo il Tibet, il Nepal, il Bhutan, il Bangladesh, la Cina meridionale (a Shangai sono stati circa 5 i minuti di eclissi al 70%), ma è stata l’isola di Iwo Jima a godersi il pieno spettacolo per tutti i 6 minuti e 39 secondi. Poi l’eclissi ha percorso altri 7.600 km. dopodiche darà appuntamento alla prossima occasione, al prossimo Saros. Che sarà nel 2 agosto 2027, quando, sfiorando Lampedusa, e prima di raggiungere il massimo della eclissi in Egitto, sarà visibile anche dall’Italia.

Mario Notaro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e Commercio, dal 1998 al servizio dell'Informazione su Internet.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook