Autismo: oggila giornata mondiale per la diffusione della consapevolezza della malattia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che cos’è l’autismo? La comunità scientifica internazionale lo definisce come un disturbo che interessa la funzione celebrale e che prevede per la persona affetta dalla malattia gravi difficoltà di integrazione sociale e di comunicazione con l’esterno. Oggi, 2 aprile 2013, ricorre la giornata mondiale per una maggiore consapevolezza riguardo alla malattia. Monumenti ed edifici italiani si illumineranno di blu in segno di solidarietà.

Se, nel corso del tempo, la complessità dei sintomi dell’autismo ha portato ad una modifica della sua definizione, da sindrome di Kanner a Disturbi dello Spettro Autistico (DSA), la scienza non è ancora pronta ad indicare cause certe per la manifestazione della malattia. Sono però numerose le ipotesi in proposito.

L’aumento del rischio di autismo è stato di recente correlato al grave problema dell’inquinamento, con particolare riferimento a biossido di azoto e polveri sottili, ed alla possibilità che ad essi sia esposto il nascituro, attraverso la madre nel corso della gravidanza, e durante il primo anno di vita, andando incontro ad un incremento delle opportunità di incorrere nella malattia.

Pesticidi, erbicidi e sostanze chimiche potenzialmente tossiche si trovano altrettanto sotto accusa. Il riferimento è ai rischi ambientali correlati alla malattia, con particolare attenzione all’esposizione dei genitori a sostanze potenzialmente pericolose nel corso della propria attività lavorativa e della gravidanza stessa. Le preoccupazioni in merito da parte delle famiglie negli Stati Uniti – dove le statistiche indicano come 1 bambino su 88 sia affetto da autismo – ha portato alla nascita di un movimento per la ridefinizione delle sostanze chimiche ammesse o non ammesse nella produzione di beni di consumo.

Nel corso degli ultimi anni è inoltre stata avanzata l’ipotesi di un legame tra comparsa dell’autismo e vaccinazioni obbligatorie. È dello scorso settembre la notizia secondo cui due tribunali italiani, con sede a Rimini e Torino, avrebbero dichiarato la presenza di un nesso tra vaccini ed autismo, a seguito di alcune valutazioni effettuate da parte di esperti. Le correlazione è stata però negata da parte della Società Italiana di Pediatria.

La scienza giungerà mai ad individuare le radici dell’autismo? La giornata odierna è dedicata alla diffusione di una maggiore consapevolezza della malattia, con eventi ed iniziative informative organizzate a livello mondiale. Grazie all’iniziativa “Light it up blue”, questa sera i monumenti di Firenze ed alcuni edifici della città saranno illuminati di blu.

A Genova a tingersi di blu sarà la Fontana di Piazza de Ferrari. A Sanremo ad illuminarsi in segno di solidarietà sarà la Fontana dello Zampillo, uno dei simboli della città. Di fronte ai dati allarmanti relativi alla diffusione della malattia, ecco dunque un’iniziativa volta a sollevare una maggiore attenzione a livello internazionale sui bambini e gli adulti affetti da autismo e sulle difficoltà affrontate ogni giorno dalle loro famiglie.

Marta Albè

LEGGI anche:

L’aumento dell’autismo e’ correlato all’uso di pesticidi e sostanze chimiche…

Autismo: il rischio aumenta con smog e inquinamento

Vaccini obbligatori sono davvero sicuri?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook