Fuorisalone 2018: 10 installazioni green da non perdere alla Milano Design week

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fuorisalone 2018. Sei giorni, più di mille eventi divisi in 16 percorsi, apre i battenti il Fuorisalone che fino al 22 aprile colorerà di design e installazioni, molte zone dell’hinterland milanese.

Nato spontaneamente nei primi anni Ottanta dalla volontà di aziende attive nel settore dell’arredamento e del design industriale, si svolge ogni anno in concomitanza con il Salone internazionale del mobile. Non un evento fieristico quanto una serie di eventi paralleli organizzati da designer, aziende ma anche i marchi di moda, hi-tech e magazine.

Tra le installazioni e le mostre, non potevamo che scegliere quelle più green che sostengono l’ambiente grazie all’utilizzo di materiali poco impattanti, ma non rinunciano al design e alla tecnologia.

Dalla casa in 3D fino al vetro che suona, ecco le 10 installazioni da non perdere.

Casa in 3D

Si chiama 3D Housing 05 ed è stata progettata dall’architetto Massimiliano Locatelli di CLS Architects, insieme a Italcementi, ad Arup e a Cybe. È una casa di circa 100 metri quadrati, con zona giorno, zona notte, cucina, bagno, che è stata realizzata in poche settimane con una stampante 3D.

È il primo esperimento del genere in Italia presentato in piazza Beccaria: una casa è sostenibile che potrà essere demolita oppure spostata, ampliata e avendo la possibilità di costruirla in poco tempo, costerà meno di una abitazione tradizionale.

fuorisalone7

AgrAir

Piuarch, lo studio di architettura milanese, ha realizzato un’incredibile installazione luminosa chiamata AgrAir. Il progetto prende la forma di un padiglione all’aperto con inflatables trasparenti a forma di prisma che ondeggiano nell’aria.

Sotto queste luci, ci si può sedere tra le aiuole. Le lanterne a forma di prisma, realizzate con film riciclabile ultra morbido, emettono una luce soffusa per creare un’atmosfera rilassante. L’obiettivo? Quello di trasformare gli spazi urbani inutilizzati in vivaci aree sociali.

fuorisalone2

Living Nature

In piazza del Duomo, davanti a Palazzo Reale, c’è il progetto Living Nature. La natura dell’abitare, sviluppato dallo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associati (CRA).

In un unico ambiente di 500mq, concepito con criteri di risparmio energetico, verranno racchiusi quattro microcosmi naturali e climatici che permetteranno alle quattro stagioni dell’anno di coesistere nello stesso momento, l’una accanto all’altra. I visitatori potranno immergersi nella natura e viverne i cambiamenti attraversando le quattro aree: Inverno, Primavera, Estate e Autunno.

Questo progetto ha un grande valore iconico, evocativo ed esperienziale. Ma gli obiettivi ultimi sono la riconciliazione tra gli spazi domestici, urbani e la natura da un lato, e, dall’altro, la proposta di soluzioni sostenibili, realmente applicabili. Se la climatizzazione è spesso associata a consumi eccessivi, questo progetto propone un radicale cambio di prospettiva, dimostrando la fattibilità di una tecnologia per il controllo climatico che sia sostenibile, basata sull’uso di celle fotovoltaiche e accumulatori energetici, dalle ampie potenzialità per future applicazioni.

fuorisalone8

Soundscape, il vetro che suona

Soundscape, il vetro che suona è una suggestiva installazione messa a punto dall’architetto giapponese Motosuke Mandai per Agc. Il vetro è dotato di uno speciale strato intermedio in grado di attenuare la risonanza caratteristica del materiale, in tal modo diventa possibile produrre un suono pulito in una vasta gamma di frequenze, dalle più alte alle più basse. Lìopera si trova negli spazi di Ventura Centrale in via Ferrante Aporti.

fuorisalone11

Meuble Plus

Nell’ambito della mostra-evento “Smart City: Materials, Technology and People”, promossa da Material Connexion, Rilegno insieme agli altri Consorzi di filiera per il riciclo degli imballaggi del CONAI, sponsorizza la realizzazione di un’installazione di Yona Friedman, celebre architetto-utopista, designer e urbanista da sempre legato al tema della sostenibilità e della circular economy.

L’opera, intitolata Meuble Plus, ricostruisce un ambiente urbano completamente realizzato con imballaggi riciclati e riciclabili. Il progetto si concentra sul riutilizzo dei materiali di scarto per costruire e modellare l’ambiente in cui viviamo, in un processo potenzialmente senza fine.

L’installazione mira a riprodurre un ambiente urbano, un habitat, orientato alla sostenibilità, in cui torri e unità abitative mobili, realizzate con bottiglie, lattine, vasetti, scatole, cassette, barattoli e altri contenitori che tutti noi usiamo ogni giorno e differenziamo per l’avvio al riciclo, verranno poste in un’area arricchita da vegetazione, per creare un giardino temporaneo.

fuorisalone3

Material Immaterial

La Mostra evento di Interni, Material Immaterial inonda Milano dall’Università Statale all’Orto Botanico di Brera con una serie di installazioni che si pongono in dialogo con il prezioso contesto naturale e architettonico.

Legno, ceramica, metalli, materiali plastici e fibre naturali, lavorati e trasformati grazie a competenze specialistiche e a tecnologie d’avanguardia, danno corpo alle visioni dei progettisti, che individuano gli ambiti della ricerca per il prossimo futuro: la crescita urbanistica, le dinamiche della logistica globale, la presenza pervasiva dei mezzi digitali, la gestione dei dati immateriali, ma anche la ricerca sugli oggetti e i valori della bellezza, nuove interpretazioni della convivialità, il potere comunicativo dell’elemento luce.

fuorisalone4

SmarTown

L’Orto botanico di Milano diventa una città immaginaria dove i visitatori possono partecipare ad un nuovo concetto di realtà con modelli urbani innovativi, che dialogano con l’esistente, prototipi di casa intelligente. L’idea nasce da Mario Cucinella Architects e SOS – School of Sustainability.

I visitatori sono incoraggiati a immergersi nel verde sullo sfondo di una città immaginaria popolata da oltre 700 piccole unità abitative luminose e ‘smart’, che diventano protagoniste di uno spazio dinamico, in cui l’interazione dei nuovi dispositivi per la Smart Home influenza la configurazione del sistema urbano.

Un luogo, quindi, votato alla tecnologia, ma anche empatico, che invita a riflettere sulla gestione consapevole dell’energia e sui nuovi strumenti per conseguirla.

fuorisalone5

Finiture Green

Un percorso sensoriale ed emotivo attraverso installazioni realizzate con finiture ecologiche, laddove il termine abbraccia contemporaneamente tre dimensioni: ambiente, economia e società. Le tecnologie sostenibili si inseriscono infatti nel processo di economia circolare, rappresentando l’equilibrio tra tutela ambientale, sviluppo economico e miglioramento della qualità della vita.

Succede all’ Highline Galleria grazie all’Anver, associazione di riferimento per il settore della verniciatura industriale, col coordinamento della Rivista del Colore.

fuorisalone6

Vegan design, l’arte della sostenibilità

La mostra Vegan Design – Or The Art of Reduction è realizzata secondo i precetti di una specifica posizione etica e risponde a una domanda precisa: è possibile fare design senza utilizzare alcun materiale di provenienza animale? Con il suo lavoro, Nevi Pana dimostra di sì.

Vegano, il designer israeliano, nato nel 1983 e formatosi all’Accademia di Eindhoven, trasferisce questa sua attitudine di profondo rispetto nei confronti della vita e degli esseri umani tutti e della natura nelle sue modalità di progettazione.

fuorisalone9

Un salotto di Lego

Tutti a Piazza San Babila se siete amanti dei Lego perché la Lego Certified Store ospita il salotto realizzato con oltre 30 mila mattoncini da Riccardo Zagelmi, l’unico artista italiano Lego certified Professional. Quadri, tavolino e poltrone d’autore dove sarà possibile farsi una foto ricordo.

Grandi e piccini saranno i benvenuti nel divertente salotto Lego dove potranno scattare un selfie con barba, occhiali, bocca e cravatta, tutti realizzati in mattoncini.

fuorisalone10

Guarda quelle dello scorso anno:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook