Record di pubblico per il Festival Vegetariano 2013 di Gorizia (#festivalveg2013)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

orizia – Dopo tre intense giornate di cucina e cultura, cala il sipario sul Festival Vegetariano, giunto alla sua IV edizione. L’evento gastronomico ha registrato la presenza di 40.000 persone, confermando le aspettative della vigilia.

Il «popolo veg» – in Italia già il 6% della popolazione – insieme a tanti «onnivori» curiosi ha riempito le strade della città per le tre giornate della kermesse: 30, 31 agosto e 1 settembre.

Gli ospiti che hanno calcato il palco del padiglione culturale non sono mancati: Jacopo Fo, Simone Salvini, Massimo Cirri, Don Pasta, Mario Tozzi, Diego Parassole. Il pubblico, sempre numeroso, ha potuto confrontarsi su argomenti rilevanti: dalla psicologia che ci spinge a mangiare animali fino al modo corretto di comunicare per non essere più «nicchia»; dal conciliare la dieta per celiaci e il vegetarianesimo alla lotta contro la vivisezione animale.

don pasta light

La varietà di temi ha spinto diversi non-vegetariani a partecipare al Festival, che si è rivelato così un’opportunità per parlare a tutti. La musica e la buona cucina sono state un’altra potente calamita: il numero di visitatori risulta quasi il doppio dell’anno scorso (25.000 persone nel 2012).

L’organizzatore del Festival Vegetariano e fondatore dell’azienda Biolab, Massimo Santinelli, si è mostrato soddisfatto del risultato: «In questa fase socio-economica la grande partecipazione del pubblico è un bel segnale e i numeri confermano quanto ci aspettavamo. Il tutto in un clima sereno e ricco di curiosità».

Il Festival – organizzato da Eventgreen, promosso da Biolab e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente – si conclude in queste ore con ‘Sidecar Smilla’, il tour compiuto da Smilla, meticcia di 9 anni, insieme al suo umano Paolo Susana, in viaggio tra i canili e i rifugi d’Italia per sensibilizzare gli italiani sui temi del randagismo e dell’abbandono.

folla light

Il Festival Vegetariano, infatti, non vuole essere un appuntamento esclusivo per chi rifiuta il consumo di carne. Come ha affermato Massimo Santinelli, è l’occasione per allestire un «evento trasversale», che abbracci il mondo vegetariano, vegano, ma anche ambientalista e animalista. Il mondo di chi, in poche parole, rispetta profondamente il nostro pianeta Terra.

Lorenzo Alberini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook