È il Prof. Stephen R. Carpenter il vincitore dello Stockholm Water Prize

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vincitore dello Stockholm Water Prize 2011 è il Prof. Stephen R. Carpenter, professore di zoologia e limnologia dell’Università del Wisconsin-Madison, USA. L’innovativa ricerca del professor Carpenter ha mostrato come gli ecosistemi lacustri sono influenzati dal paesaggio circostante e dalle attività umane. Le sue scoperte hanno formato la base per soluzioni concrete su come gestire i laghi.

La Stockholm Water Prize è forse il premio più prestigioso al mondo per i risultati raggiunti nelle attività legate all’acqua. Vengono premiati ogni anno a Stoccolma individui, istituzioni o organizzazioni, la cui opera contribuisce alla conservazione e alla protezione delle risorse idriche e al miglioramento della salute degli abitanti del pianeta e degli ecosistemi. È Re Carlo XVI Gustavo di Svezia a consegnare il premio, che include un premio 150.000 dollari e una scultura in cristallo appositamente progettata e realizzata.

Fondata dalla Stockholm Water Foundation, il premio è inoltre sostenuto dalla Regia Accademia Svedese delle Scienze, deall’International Water Association, dalla Water Environment Federation e dalla città di Stoccolma.

Le nomine sono annunciate in marzo, durante la Giornata Mondiale dell’Acqua delle Nazioni Unite, ed il premio è presentato e consegnato nella città di Stoccolma durante la Settimana mondiale dell’acqua.

Redazione greenMe.it

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook