Migrazione, cibo e cambiamenti climatici: a Torino un progetto dedicato allo sguardo delle donne sul futuro del Pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Migrazione, cibo e cambiamenti climatici osservati e trattati dal punto di vista delle donne. L’Università degli Studi di Torino ha deciso di dare spazio al tema del cibo e delle migrazioni attraverso il progetto “Transnational Appetites: Migrant Women’s Art and Writing on Food and the Environment”.

La presentazione del progetto di ricerca si terrà il prossimo 12 maggio alle 13.30 presso Arena Piemonte – Salone Internazionale del Libro di Torino. In questa occasione si discuterà dell’argomento con Daniela Fargione dell’Università di Torino, Cinzia Pecchio, Presidente Consulta Femminile Regionale del Piemonte, Daniela Ruffino, Vicepresidente del Consiglio Regionale del Piemonte con delega alla Consulta Femminile e con le autrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre.

Nell’arte e nella letteratura il cibo svolge un ruolo cruciale ed è protagonista delle storie raccontate da molte donne. Inoltre, proprio il cibo rappresenta un legame diretto tra il corpo e l’ambiente naturale. E sono spesso le donne a favorire alleanze globali e a stimolare un attivismo ecologico a partire dalle tematiche legate al cibo.

Il progetto è finanziato dalla Compagnia di San Paolo e promosso dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino. Dopo la presentazione del prossimo 12 maggio, resteremo in attesa del 17 settembre, quando si svolgerà, sempre a Torino (Aula Magna – Cavallerizza Reale), il festival ‘Alla tavola delle migranti’, un’iniziativa parte integrante del progetto e nata con l’obiettivo di coinvolgere il più possibile la cittadinanza.

Sappiamo che il cibo negli ultimi tempi è sempre più spesso protagonista delle nostre vite. Ormai non si parla più soltanto dei piatti da portare in tavola per il pranzo e per la cena. Il cibo è al centro di show-cooking, trasmissioni televisive, gare e opere d’arte. I discorsi sul cibo sono così frequenti che ormai siamo arrivati ad una serie di paradossi: fame, obesità e malnutrizione, malattie genetiche autoimmuni, declino della biodiversità, crudeltà sugli animali e molto altro ancora.

L’intera industria alimentare del cibo concorre ormai alla crisi ecologica contemporanea. Ecco allora l’idea di esplorare le interconnessioni tra cibo e ambiente naturale e la loro rappresentazione artistica in contesti transnazionali.

Nel corso del progetto i temi del cibo, delle migrazioni e dei cambiamenti climatici verranno trattati in collaborazione con esperti nazionali internazionali e attraverso letture, dibattiti, concerti, laboratori, proiezioni di film e documentari che possano incentivare una maggiore consapevolezza sulla situazione del Pianeta e sul nostro futuro, sempre all’insegna della fiducia e della condivisione.

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaCOSA POSSIAMO FARE PER AIUTARE MIGRANTI E RIFUGIATI?

frecciaSALSA MIGRANTE: AUTOPRODUZIONE PER LA LIBERTA’ E I DIRITTI DI MIGRANTI E BRACCIANTI PRECARI

frecciaRIFUGIATI: LA CRISI DEI MIGRANTI È ANCHE COLPA DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook