Tu Bishvàt, il Capodanno degli alberi che ci insegna ad amare la natura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 10 febbraio di quest’anno gli ebrei festeggiano il Tu Bishvàt, ovvero il Capodanno degli alberi. Il nome della festività significa 15 del mese di Shevat ed è una sorta di ringraziamento per la fecondità della terra.

Durante il Tu Bishvàt si mangiano i frutti delle sette specie con le quali è stata benedetta la terra d’Israele, ovvero il grano, l’orzo, l’uva, i fichi, il melograno, le olive e i datteri. In questo giorno che rimanda a madre terra, si riflette sull’importanza della natura.

In principio il festeggiamento era una sorta di ringraziamento per la fecondità della terra nell’anno precedente e un’occasione di augurarsi un raccolto migliore per l’anno successivo. Ma quali sono i significati simbolici di questa festa?

Alla festività di Tu BiShvàt possono essere associati alcuni significati simbolici particolarmente importanti per il popolo ebraico. Parliamo innanzitutto dell’attaccamento alla terra, del rispetto dei cicli della natura e la gioia nel godere dei suoi frutti.

Un altro significato è quello della Tzedakà (giustizia) quello che potrebbe apparire semplicemente come un sistema fiscale è in realtà un modo per ridistribuire anche fra i più poveri i frutti. La decima dovuta ai più poveri è insomma una tassazione obbligatoria tanto quanto le altre.

tubisvat

C’è poi un’altra bellissima tradizione che avviene durante il Tu Bishvàt, ovvero quella di piantare degli alberi: un gesto simbolico che viene associato al desiderio del popolo di Israele di rendere nuovamente verde un paese dall’antico splendore.

In generale, comunque, è un giorno di consapevolezza ecologica soprattutto perché nella tradizione, molte regole dell’agricoltura sono legate all’età degli alberi e dunque risultava necessario stabilire un calendario apposito, in modo da poterne stabilire con certezza gli anni.

tubisvat2
tubisvat3

Anche per chi non è ebreo, la festa può essere da spunto per riflettere sull’importanza della natura e l’obbligo di rispettarla, ricordando che in Italia la Giornata Nazionale degli Alberi si festeggia il 21 novembre.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook