Borgo Futuro 2011: il borgo più ecosostenibile d’Italia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prove tecniche di futuro sostenibile a Ripe San Ginesio, piccolo paese marchigiano in provincia di Macerata, dove durante il primo assolato week-end di luglio si è tenuta la seconda edizione di “Borgo Futuro festival”.

Suoni, immagini e incontri per un paese sostenibile: questo ciò che era scritto nei volantini, nei cartelloni, nei manifesti agli angoli delle strade, a voler ribadire l’impegno da parte di Ripe San Ginesio nel conquistare il titolo di “Comune più ecosostenibile d’Italia”.

A inaugurare il Festival venerdì 1 luglio il giornalista Andrea Vianello, conduttore di “Agorà” su Rai3, che ha aperto le danze con un convegno su “Le prospettive per un’agricoltura biologica e di qualità“: ospiti i vertici nazionali di Slow Food e Coldiretti, Caterina Santori di Aiab e il presidente di Res Tipica Fabrizio Montepara.

Sabato 2 luglio ospite d’onore Elio Veltri che ha illustrato il movimento Transition Town, in continua crescita anche nel nostro Paese, con il dibattito “Amministrare la sostenibilità”.

Domenica 3 Luglio Don Franco Monterubbianesi, fondatore della Comunità di Capodarco e Padre Armando Pierucci, fondatore dell’Istituto Magnificat, sono stati ospiti del forum su “Fede e Sostenibilità”.

Spazio anche ai bambini con tanti laboratori di riuso dove realizzare giochi sostenibili con materiali di recupero e spettacoli teatrali sulla bellezza della biodiversità. .

Ma c’è di più, perché Ripe San Ginesio nel suo piccolo è già un “borgo futuro”, grazie ad un impianto fotovoltaico da 60 kW infatti, che copre il 50% del fabbisogno di energia elettrica per l‘illuminazione pubblica, a due impianti di solare termico per scaldare l’acqua della palestra e dell’asilo nido comunali, e a lampioni ad emissioni zero.

Nella 3 giorni di festival si è trasformato in un laboratorio di sostenibilità, grazie a menù a km 0, stoviglie biodegradabili, musica a basso impatto ambientale. Tutti i concerti infatti sono stati alimentati da pannelli fotovoltaici: molto apprezzata la Musica Bio-Logica di Freddy Giorgi, il “Mototrabasso” suonato da Lullo Mosso e accompagnato dall’eco-aperitivo, l’ecologismo dei Rein, il teatro-canzone di Bobo Rondelli, lo spettacolo teatrale “Lusprufunnu”, raccolta di storie ispirate alla tradizione marchigiana e “Il segreto del bosco vecchio” del regista Pino Cipriani su testo di Dino Buzzati.

Ilaria Traditi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook