Concorsi: l’architettura sostenibile si tinge di rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Architettura sostenibile tutta al femminile. Torna l’appuntamento con il Concorso Architettura Sostenibile, organizzato da ROS, società partecipata da Senaf e Fiera Roma, volto a premiare le due migliori idee proposte da giovani laureate in architettura.

Dedicata alla memoria di Raffaella Alibrandi, amministratore delegato di Fiera Roma, che nella sua vita si è distinta per l’impegno profuso nella valorizzazione del ruolo delle donne in ambito lavorativo, anche quest’anno l’iniziativa premierà due tesi di laurea e riguarderà in particolare due settori: “Recupero del patrimonio edilizio esistente” e “Nuove costruzioni a destinazione pubblica”.

Potranno partecipare inviando i propri progetti le neo-laureate che hanno discusso la tesi (sia di laurea che di dottorato) in data non antecedente al 1° gennaio 2008, presso una Facoltà di Architettura o Ingegneria. Altro requisito il voto finale, che non dovrà essere inferiore a 100/110.

Il tema delle pari opportunità, dunque, si tinge di rosa e di verde, soprattutto alla luce dei risultati diffusi dall’ultimo rapporto del Consiglio Nazionale degli Architetti, secondo cui in Italia la professione sta attirando un numero sempre maggiore di donne, anche se il gentil sesso ancora guadagna meno rispetto ai colleghi di sesso maschile.

Secondo i dati, mentre nel 1998 il 31% degli iscritti all’albo nazionale erano donne, oggi le quote rosa hanno raggiunto il 40%, contro la media europea del 39%.

Il Concorso Architettura Sostenibile – si legge nel comunicato del comitato organizzatore – vuole dar voce e spazio all’impegno e alla professionalità di giovani donne, con la speranza che possano trovare una collocazione nel mercato del lavoro che sappia valorizzarne e riconoscerne il talento”.

La partecipazione al concorso è gratuita e potrà avvenire entro il 12 dicembre 2011 attraverso la compilazione obbligatoria dell’apposito form di iscrizione. Sul sito, inoltre, è disponibile anche il bando di concorso.

I premi saranno di 5mila euro, 2.500 euro per ciascun progetto riguardante il recupero edilizio e di nuove costruzioni a destinazione pubblica realizzato in chiave sostenibile, oltre alla possibilità di effettuare uno stage di 6 mesi presso lo Studio Valle Progettazioni.

La giuria sarà presieduta dal Prof. Arch. Tommaso Valle. La cerimonia di premiazione avrà luogo alla Fiera di Roma tra il 22 e il 25 marzo 2012 nell’ambito della 5a edizione di Expoedilizia.

Infine, a tutte le partecipanti presenti il giorno della premiazione sarà riservato un abbonamento annuale alla rivista “Progettare” .

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook