Alig’Art: quando la spazzatura diventa arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aliga” in sardo vuol dire “spazzatura, immondizia”. Ed è proprio dalla volontà di dare nuova vita ai rifiuti e di sensibilizzare le coscienze sul loro corretto smaltimento e sulle possibilità offerte dal riciclo creativo, che nasce Alig’Art, la rassegna artistica che si svolgerà a Cagliari dal 24 settembre al 2 ottobre 2010.

Il progetto, inserito tra i workshop del Signal Festival, è curato dal collettivo Sustainable Happiness (SH) e nasce per proporre, attraverso l’arte, stili di vita diversi e più consapevoli, orientati alla sostenibilità ambientale e al consumo responsabile. Per diffondere questa filosofia green, Alig’Art si affida all’ecodesign, al riciclo creativo e a diverse forme d’arte come la musica, la fotografia e la grafica.

La manifestazione, ospitata per questa prima edizione negli spazi del Dipartimento di Architettura, in via Santa Croce 59 a Cagliari, si articola in due sezioni:

1) Alig’Art Expò

È un concorso di idee, diviso nelle sezioni Ecodesign e Pura insostenibilità (fotografia e illustrazione), le cui opere verranno esposte per l’intera durata del Signal festival. I lavori di ecodesign saranno realizzati interamente con materiali riciclati e dovranno avere una concreta applicabilità e usabilità nella vita di tutti i giorni.

Fotografi, grafici e illustratori saranno invece chiamati a raccontare, attraverso i loro lavori, le conseguenze dell’adozione di stili di vita non sostenibili e di comportamenti poco attenti all’ambiente, con reportage o lavori singoli.

webcard_aligart_expo3

2) Alig’Art Workshop

In programma il 2 ottobre, prevede 3 laboratori:

“Riciclo sonoro” tenuto da Michele Sarti. Verranno utilizzati pentole, coperchi di plastica e metallo, barattoli di vetro e bottiglie da riempire con legumi, cucchiai e posate da usare come percussioni, tutti rigorosamente riciclati.

“Ecopaperdesign” tenuto da Michele Casanova. Il laboratorio sarà incentrato sulla progettazione e realizzazione di mobili di arredo in cartone pressato.

“My trash home” tenuto da MadeInTrash. È il classico riciclo creativo di oggetti e materiali di uso comune, di cui anche noi di greenMe vi parliamo spesso.

Per informazioni: [email protected]

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook