Le luci degli innamorati “accendono” i trulli, Alberobello si trasforma nella città dell’amore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cuoricini e luci romantiche: Alberobello si trasforma per un mese nella capitale degli innamorati ed è pronta a regalare a quanti andranno a visitarla delle autentiche emozioni. Dall’8 febbraio e fino all’8 marzo torna AlbeLOVEbello, l’occasione buona per rivedere i trulli, meraviglioso patrimonio dell’Umanità.

A partire dalla settimana di San Valentino e per tutto il mese fino alla festa della donna, infatti, delle spettacolari luci si accenderanno proprio sulle tipiche abitazioni, tra installazioni artistiche, addobbi e decori, tutto dedicato all’amore. L’evento, patrocinato dal Comune, avrà il fulcro in una suggestiva cascata di cuori, che illuminerà i trulli del Rione Monti, il Belvedere, la Chiesa di Sant’Antonio e il Trullo Sovrano.

albelovebello locandina

©Comune di Alberobello

Ci saranno inoltre video mapping, photo booth, oltre mille cuori per le strade di Alberobello. Nel week end di San Valentino, da venerdì 14 a domenica 16, ci sarà un video mapping sul municipio.

“Dopo la settimana dell’amore che l’anno scorso ha fatto accendere per la prima volta le luci sui trulli anche a febbraio quest’anno abbiamo deciso di dedicare a San Valentino un intero mese – dice l’assessore al Turismo, Antonella Ivone, in un comunicato. Alberobello che è già uno scenario naturalmente romantico, lo diventerà ancora di più grazie a questa iniziativa che mette insieme ENGIE (ENGIE è il player dell’energia e servizi che cura il servizio di pubblica illuminazione della città, ndr), Unique eventi e commercianti tutti animati da uno stesso obiettivo: rendere la Capitale dei trulli una realtà sempre più attrattiva per turisti e visitatori in ogni periodo dell’anno”.

albelovebello

©Eugen Andrei/Facebook

Patrimonio mondiale dell’Unesco, i trulli sono le tipiche abitazioni in pietra calcarea del sud della Puglia, esempi di edilizia in pietra a secco a lastre, una tecnica risalente all’epoca preistorica tuttora utilizzata in questa regione, tra l’altro anch’essa inserita nella lista del patrimonio dell’Umanità.

Fonte: Comune di Alberobello

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook