Biofach 2012: parte la più grande fiera mondiale del biologico

bio-fach_2012

Al via il Biofach 2012. Coprirà tutti i settori dell’eco-sostenibilità, dal tessile al packaging, dal vino ai prodotti per la cura della casa e della persona, la ventitreesima edizione della più importante fiera del biologico a livello mondiale il salone internazionale del biologico, che si terrà presso il polo fieristico di Norimberga da oggi fino al 18 Febbraio 2012. Quattro giorni che propongono un calendario denso di importanti eventi culturali con workshop, incontri, seminari, degustazioni guidate e presentazioni di prodotti ed aziende, quest'anno dedicati al tema della sostenibilità ecologica, sociale ed economica.

Forte dei 2.544 espositori (di cui il 71% internazionali) e di 44.591 visitatori provenienti da 131 Paesi dell'edizione 2011, anche per l'edizione 2012 sono previsti numeri da capogiro, con 2.500 espositori provenienti da tutto il mondo, a cui se ne aggiungeranno altri 200 al Vivaness, il salone pilota della cosmesi naturale e del benessere.

E l’Italia farà la sua parte: al Biofach sarà presente l'associazione italiana per l'agricoltura biologica AIAB, con oltre 40 aziende che rappresentano le eccellenze italiane del settore e un un’area espositiva superiore ai 500 metri quadri e un articolato programma culturale. A Norimberga ci sarà anche la Novamont, impegnata per promuovere nei settori dell’agroalimentare, della ristorazione e della distribuzione biologica l'uso di materiali biodegradabili e compostabili come il Mater-Bi, la bioplastica completamente biodegradabile e compostabile naturalmente, contenente risorse rinnovabili di origine agricola.

Tanti gli appuntamenti organizzati da AIAB all’interno del salone, come la presentazione dell'Indagine sull’export del mercato interno dell’Unione Europea del settore biologico italiano, il 15/2 alle ore 12, presso il padiglione 1, nell'area MiPAAF, o l'incontro pubblico “Ristorazione biologica e Acquisti Verdi Pubblici” di venerdì 17, ore 10-12, Oslo Room – NNC Ost/Level 2.

Per consultare il programma culturale di AIAB al Biofach clicca qui

Roberta Ragni