lafamenon__giustaLo scorso autunno Altromercato ha lanciato la campagna Diritto al Cibo, non solo per sottolineare la drammaticità della crisi alimentare del Sud del mondo, ma anche per rilanciare un'attività d'informazione a favore della tutela della biodiversità quale autentico patrimonio.

Non a caso Legambiente e Aiab (Associazione Italiana Agricoltura Biologica) hanno deciso di sostenere pienamente la campagna: la loro adesione, infatti, testimonia che la battaglia per la sovranità alimentare rappresenta "un impegno condiviso da chi si impegna nella difesa dell'ambiente, nella produzione di alimenti biologici e bio-diversi e nell'ambito del commercio equo e solidale: un mercato del cibo basato su logiche di maggiore equità e sostenibilità è la risposta, possibile e necessaria, a cui tendono istanze convergenti" come ha affermato recentemente Chiara Bonati, presidente di Altromercato.  
La biodiversità sta scomparendo dal nostro pianeta e questo purtroppo rappresenta un grave impoverimento del terreno e non solo: infatti, attraverso la diversificazione della colture è possibile rendere i raccolti più forti rispetto a malattie e siccità, assicurando pertanto un cibo migliore, più vario e salutare.  
I consumatori sono i primi destinatari della campagna, perché attraverso scelte consapevoli è possibile condizionare anche le decisioni che provengono dai governi e dalle istituzioni. Prediligere prodotti di stagione e le filiere corte significa acquistare cibi più genuini premiando chi li produce, riducendo così i passaggi d'intermediazione. "Non è più pensabile - ha affermato Andrea Ferrante, presidente Aiab - continuare sulla strada di un modello agroindustriale insostenibile, alimentato dalla speculazione finanziaria e totalmente dipendente dal petrolio, che strozza il diritto dei popoli alla sovranità alimentare. Così come il modello che spaccia gli Ogm come soluzione per la fame nel mondo, è assolutamente inattuabile. L'agricoltura bio (...) è oggi l'unica risposta che può permettere al mondo di garantire una produzione e un consumo dei prodotti della terra sostenibili per tutti".

Per questi motivi la tutela dell'ambiente rappresenta un altro punto fondamentale per la riuscita della campagna. I cambiamenti climatici, le pratiche agricole inquinanti, le monoculture intensive, lo sfruttamento sconsiderato dei terreni, lo spreco della risorsa acqua sono tutti fattori aggravanti, pertanto anche l'impegno di Legambiente - testimoniato da Maurizio Gubbiotti, coordinatore della segreteria nazionale dell'Associazione - assume un significato particolare.  

Va segnalato che un ulteriore momento di confronto su queste tematiche si svolgerà in Africa, luogo simbolo della lotta per il diritto al cibo, i prossimi 29-30 maggio: Terramadre Tanzania - evento organizzato nell'ambito dell'omonima Associazione nata nel 2004 a Torino - è sorto all'interno del progetto "Sustainable agriculture, biodiversity protection and fair trade, together against poverty" finanziato dall'Unione Europea. L'appuntamento è promosso dal CEFA, una Ong che da anni si occupa di sviluppo rurale, Slow Food Internazionale, Fondazione Slow Food per la Biodiversità e Fairtrade Italia. Durante le due giornate si terranno seminari e dibattiti, animati da un centinaio di piccoli produttori e operatori nel settore biologico.

Simona Calissano


I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog