Giornata mondiale dell'acqua

Oggi 22 marzo è la giornata mondiale dell'acqua. Il nostro oro blu scarseggia sempre di più, per questo ogni anno si celebra il World Water Day. Un momento per ricordarne l'importanza e per cercare di diffondere informazioni e iniziative volte al risparmio.

Sapevate che ogni minuto in più che passiamo sotto la doccia consumiamo dai 6 ai 10 litri d’acqua? E un rubinetto che perde anche solo 30 gocce in 60 secondi provoca uno spreco di 200 litri al mese.

Un minuto, 30 gocce, sembrano nulla ma a lungo termine sono enormi quantità d'acqua. Nel nostro piccolo possiamo fare tanto, a partire dal quotidiano, per ridurre gli sprechi.

Il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente Altreconomia hanno mostrato cosa accade con le tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Si parla di un giro d’affari di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende che continuano a pagare canoni concessionari irrisori: circa 1 millesimo di euro al litro, 250 volte meno del prezzo medio che i cittadini pagano per una bottiglia.

In Lombardia poi le società imbottigliatrici di acque minerali godono di un regime di privilegio per prelevare dal sottosuolo l'acqua che poi rivendono a caro prezzo,1,2 € al metro cubo, cifra che quando arriva ai supermercati, ha un costo quasi 1000 volte superiore. Di fatto, quando compriamo una bottiglia di acqua minerale, quello che paghiamo, a parte il costo della bottiglia di plastica e il trasporto, è l'enorme margine di profitto che si produce dalla fonte allo scaffale.

Secondo il dossier, nel nostro paese, i consumi di acqua in bottiglia sono in costante aumento perché purtroppo molti credono che essa sia migliore e più controllata di quella del nostro rubinetto. Eppure l'impatto ambientale è davvero pesante e ormai noto. Secondo i dati di Legambiente, nel nostro paese il 90-95% delle acque viene imbottigliato in contenitori di plastica e il 5-10% in contenitori in vetro. Ciò significa che ogni anno vengono utilizzate tra i 7 e gli 8 miliardi di bottiglie di plastica e più del 90% delle plastiche prodotte derivano da materie prime fossili vergini (il 6% del consumo globale di petrolio) e l’80% dell’acqua imbottigliata in Italia viene trasportata su gomma (un autotreno immette nell’ambiente anche 1300 kg di CO2 ogni 1000 km). Oltre l’80% dei rifiuti rinvenuti sulle spiagge italiane tra il 2014 e il 2017 sono oggetti in plastica e bottiglie e tappi ne rappresentano il 18%.

acque in bottiglia 2018 infografica

Oggi saranno tante le iniziative in corso. Tra questi ci sarà il Summit internazionale “Labirinto d’Acque”: organizzato da Franco Maria Ricci al Labirinto della Masone ( Fontanellato-Parma) dal 21 al 24 marzo in collaborazione con vari enti tra cui il WWF.

Green Cross lancia invece le Olimpiadi del risparmio del'acqua invitando atleti e appassionati a partecipare alla sesta edizione della campagna per il risparmio idrico “Salva la goccia”. Un appello a cui hanno già aderito il Coni, il Csi - Centro sportivo italiano - e la rete nazionale dei Comuni Virtuosi. Il tema scelto per la Giornata mondiale 2018 è Nature for Water, la natura per l’acqua, sfruttando le soluzioni che si trovano in natura per ridurre le inondazioni, la siccità e l’inquinamento delle acque.

L'iniziativa è rivolta a ragazzi e famiglie che dovranno ridurre i consumi di acqua utilizzando anche l'apposito decalogo, velocizzando tutte le operazioni della toilette quotidiana, dalla doccia al lavaggio dei denti.

Dopo aver messo in pratica un’azione per tutelare l’acqua, basta scattare una foto o girare un video che la documenta e postarla sui propri profili social, oppure sulla pagina Facebook “Salva la goccia”.

Sul sito www.immaginiperlaterra.it un contatore censirà tutte le pratiche sostenibili e sarà visualizzato il nominativo di coloro che avranno contribuito alla vittoria dell’Italia alle Olimpiadi della sostenibilità con i piccoli gesti quotidiani.

Ecco le 10 azioni suggerite dal decalogo di Salvalagoccia per ridurre lo spreco di acqua in casa, e vincere le olimpiadi del risparmio. Come? Ccronometrando quanto tempo ogni componente della famiglia impiega per lavarsi tenendo il rubinetto aperto e stilando una classifica.

  1. Quando ci si lava i denti è meglio usare un bicchiere, aprendo il rubinetto solo per bagnare lo spazzolino
  2. Chiudere il rubinetto quando ci si insapona
  3. Non stare sotto la doccia a lungo e non riempire troppo la vasca da bagno
  4. Installare gli aeratori ai rubinetti, il getto sembrerà più forte poiché l’aria viene mescolata con l’acqua in uscita.
  1. Non lavare la frutta e la verdura sotto l’acqua corrente: basta riempire una bacinella e immergere per un po' gli alimenti
  2. Lavare piatti e stoviglie in una bacinella
  3. A tavola preferire menù vegetariani, caratterizzati da un'impronta idrica ben più bassa rispetto a un pasto a base di carne
  4. Fare funzionare gli elettrodomestici, lavatrice e lavastoviglie, solo a pieno carico
  5. Durante i mesi estivi o in genera quando fa più caldo è meglio irrigare le piante al mattino presto o di sera evitando che l’acqua evapori prima di raggiungere le radici. Fa bene alle piante e all'ambiente.
  6. È meglio lavare le automobili in una stazione self-service, perché si risparmia molta acqua

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram