Save_the_beach_hotel_spazzatura

Sensibilizzare i cittadini ad un corretto smaltimento dei rifiuti e alla tutela delle spiagge: ecco gli importanti obiettivi della campagna promossa dalla birra Corona Extra in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il prossimo 5 giugno. L’evento centrale della campagna è costituito dalla realizzazione di un hotel davvero particolare: i materiali di costruzione, infatti, saranno dei rifiuti raccolti su alcune spiagge europee. L’installazione vuole mostrare le conseguenze di comportamenti non sostenibili e non rispettosi dell’ambiente, e rappresenta un invito a cambiare rotta, per il bene di tutti, e a prenderci cura del nostro paesaggio e delle nostre spiagge.

La creazione di un hotel fatto di spazzatura è parte di Corona Save the Beach, un’iniziativa nata nel 2008 per promuovere la salvaguardia e il recupero delle spiagge. L’installazione temporanea sarà realizzata a Roma, su progetto dell’artista tedesco HA Schult, tra i primi ad affrontare temi quali lo squilibrio ecologico e l’impatto umano sulla natura: un impatto di cui l’inquinamento e l’abbandono dei rifiuti sulle spiagge sono tra i segni più evidenti.

Il Save the Beach Hotel sarà accessibile dal 3 al 6 di giugno 2010: si tratterà di una costruzione di due piani, in grado di ospitare fino a 10 persone per notte. Chiunque desideri trascorrere una notte in questo hotel unico al mondo, potrà partecipare ai concorsi organizzati attraverso il sito web dell’iniziativa o la sua fan page su Facebook. Spiegando le motivazioni che spingono prendere parte all’iniziativa, si potrà vincere un pernottamento all’interno dell’installazione.

La costruzione dell'hotel vuole essere un invito a tutti i cittadini europei ad agire a tutela delle loro spiagge: “L'importanza di questo progetto” spiega in proposito l’ideatore dell’installazione, HA Schult, “è racchiusa in ciò che l’hotel simboleggia. [...] Viviamo in un epoca di enorme produzione di rifiuti, produciamo tonnellate di spazzatura e questo è ciò in cui rischiamo di trasformarci. È veramente questo quel che vogliamo per la nostra Terra?” Una domanda che suona come un monito e che dovrebbe farci pensare, anche perché è un dato di fatto che i rifiuti abbandonati rappresentino la maggiore fonte di inquinamento per le spiagge di tutta Europa.

La campagna promossa da Corona Save the Beach prevede anche il “salvataggio” concreto di una spiaggia: chiunque può segnalare sul sito del progetto le spiagge pa rischio abbandono e degrado e Corona Extra provvederà a ripulire e a recuperare quella che risulterà più votata. Nel 2009, la spiaggia “salvata” dall’invasione dei rifiuti grazie alla segnalazione degli utenti è stata quella di Capocotta, vicino a Roma.

Più in generale, Corona Extra, in collaborazione con la Foundation for Environmental Education (FEE) e con il Programma Bandiera Blu per la protezione e il miglioramento dei mari e delle coste, si è impegnata ufficialmente a “salvare” almeno una spiaggia europea all’anno. Ma, in aggiunta ad iniziative lodevoli e originali come queste, tanto può e deve essere fatto dai singoli, che con un comportamento più attento e responsabile possono contribuire a salvaguardare l’ambiente o, quantomeno, impegnarsi a non distruggerlo.

Lisa Vagnozzi


sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram