siccita cina Images WWF

Si è svolta ieri la Giornata mondiale per la riduzione dei disastri ambientali. In concomitanza con il report lanciato da Cespi, Focsiv e Wwf su migrazioni e cambiamenti climatici, l’Onu ho promosso, come ogni 13 ottobre, questa giornata per prendere in considerazione l’importanza della prevenzione delle calamità e salvare così vite umane.

Il tema di quest’anno è la “Conoscenza per la vita”, perché le conoscenze tradizionali e indigene hanno un ruolo fondamentale nel costruire una resilienza ai disastri naturali.

Negli ultimi 18 anni, la Commissione europea ha finanziato progetti di “Disaster Risk Reduction” in zone a rischio catastrofi come le Filippine. Composto da centinaia di isole, il paese è particolarmente vulnerabile, con oltre 20 tifoni all'anno, in media, per non parlare dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche.

Gli sforzi per rafforzare la resilienza delle comunità vulnerabili all’andamento dei disastri più frequenti e devastanti, non necessariamente comporta costi onerosi. I bambini del Malawi, per esempio, stanno assumendo un ruolo attivo nella prevenzione di un disastro piantando alberi intorno alla loro scuola.

Assistere le persone e le comunità a resistere e a scongiurare una distruzione oggi è più efficace che rispondere a una vera crisi domani e ricostruire. “Abbiamo l'obbligo morale di aiutare le persone e le comunità a riprendersi dagli shock, a resistere ai disastri. In parole semplici, per aiutarli a rafforzare la loro capacità di recupero”, ha dichiarato il commissario Stylianides.

tundra siberiana PProkosch WWF

Le ultime 4 edizioni della Giornata Internazionale per la Riduzione dei Disastri Naturali sono state dedicate rispettivamente ai bambini, alle donne, ai disabili e agli anziani, le figure che più soffrono in seguito a delle catastrofi, ma che hanno gran parte della forza per la ricostruzione e la trasmissione di tradizioni che i popoli devono scambiare tra di loro.

Quelle persone, le “indigene”, sono 370 milioni in tutto il mondo e sono quelle che, scongiurando apocalittiche migrazioni a causa di siccità, ondate di calore, tempeste e alluvioni, possono trasmettere la propria cultura nella quale può risiedere la speranza per imparare a resistere e a reagire nel modo migliore alle catastrofi naturali.

sioux

Molte tradizioni, usi e costumi importanti per la protezione ambientale e la gestione del rischio di disastri sono custodite in lingue che oggi rischiano di sparire. In contesti rurali e urbani, le persone indigene hanno vulnerabilità ed esigenze uniche nella riduzione del rischio e nel recupero post-catastrofe, e allo stesso tempo hanno capacità e conoscenze uniche”, spiega l’Onu.

Quello che ci vorrebbe è che ogni giorno sia il giorno contro i disastri ambientali, quello in cui ci mettiamo in testa che magari è inutile prendere la macchina, comprare tutta quella carne, consumare acqua a go go, accendere l’aria condizionata. Ognuno di noi, indistintamente, potrebbe rinunciare a qualcosa senza per questo sconvolgere la propria esistenza, anzi garantendone una migliore ai propri figli.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Profughi ambientali: 157 milioni di persone costrette a spostarsi per il clima estremo

Disastri ambientali: nei paesi in via di sviluppo il settore agricolo è il più colpito

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram