orti festa 2015

Orticoltura e verde urbano con Orti in festa! Dal 2 al 4 ottobre gli orti urbani tornano alla riscossa per sottolineare la loro importanza come elementi in grado di restituire un aspetto gradevole a spazi abbandonati o degradati e come punto di partenza per la produzione di alimenti sani e naturali.

Arriva così al terzo anno l’iniziativa di Legambiente dedicata a diffondere la cultura del verde attraverso gli orti urbani. Che abbiate un giardino o un balcone coltivato, questa sarà la volta buona per parlare (anche) di agricoltura e apicoltura urbana e per imparare a prendersi cura di un seppur piccolo pezzo di terra, tutelando e valorizzando il territorio e il paesaggio urbano.

Da Pontecagnano ad Andria, da Milano a Parma, da Barletta a Potenza a Roma, anche quest’anno saranno tanti gli appuntamenti organizzati da Legambiente e tante le aziende agricole che creeranno momenti di formazione e scambio di esperienze con chi vive il territorio in prima persona.

In più, ci saranno lezioni dimostrative su orti urbani, agricoltura e sana alimentazione, laboratori dedicati all’agricoltura sostenibile e all’autoproduzione domestica, visite guidate a orti botanici e laboratori all’aperto, momenti di scambio di esperienze sugli orti e sugli stili di vita sostenibili e azioni di guerilla gardening per recuperare aree abbandonate.

Ad aprire la terza edizione di Orti in Festa saranno le scuole dell’infanzia e primarie del territorio, che quest’anno parteciperanno per la prima volta alla campagna. I ragazzi e i bambini potranno così conoscere il valore dell’orto riciclo – con il recupero e il riutilizzo di vecchi contenitori o oggetti in disuso –, e dell’orto della biodiversità, dove potranno seminare piante tipiche locali. Oppure potranno realizzare l’orto della dieta mediterranea, piantumando le piante tipiche del paesaggio mediterraneo come basilico, timo, rosmarino; o seminare piante nettarifere che attirano le api.

Gli orti urbani - dichiara Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente - sono ormai una realtà nazionale e l’esempio concreto di come sia possibile ridisegnare gli spazi urbani in una veste green e sostenibile, diventando portavoce di una nuova agricoltura e custodi del proprio territorio. Coltivare un orto in città è funzionale a tanti obiettivi: alla tutela del territorio e della biodiversità, alla difesa del suolo, al miglioramento della qualità dell’aria, alla diffusione di azioni di volontariato ambientale e di progetti a lunga durata di cittadinanza attiva capaci di combattere il degrado e rilanciare la dimensione comunitaria e sociale dell'agricoltura. Da questo punto di vista gli orti diventano spazi dove praticare un nuovo tipo di agricoltura capace tra l’altro di ridisegnare le città e riqualificare e valorizzare luoghi abbandonati come è successo ad esempio in Campania, dove in dieci anni a Pontecagnano (Sa), Eboli (Sa) e Succivo (Ce) più di 100 orti realizzati dai circoli di Legambiente hanno permesso di riconvertire alla coltivazione aree prima dismesse o abbandonate”.

Il Decalogo “Orti urbani e sociali” – Quest’anno Legambiente promuove il decalogo sugli orti urbani e sociali: dieci punti per ricordare che gli orti favoriscono il recupero della biodiversità e permettono di far riscoprire la stagionalità dei prodotti, la diffusione dei metodi di coltivazione sostenibili, il rispetto dei principi agroecologici, l’importanza di combattere lo spreco di cibo o di acqua e generare circuiti virtuosi di economia solidale.

E non solo: gli orti urbani pongono un freno alla cementificazione e alla illegalità, col recupero di luoghi altrimenti inutilizzati e abbandonati.

Non è un caso che in Italia siano ben 2,7 milioni gli italiani che coltivano un orto: orti collettivi o condominiali, orti didattici o scolastici, orti per famiglie, orti circondariali e ospedalieri.

Tutti ma proprio tutti fanno bene alle città e all’umore delle persone!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Orti urbani: 10 consigli per ridurre l'inquinamento e le contaminazioni

Orti urbani: a Roma terreni in comodato d’uso gratuito per gruppi e associazioni

Orti urbani: a Roma 150 nuovi orti per una città più verde

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram