immagine

Generation Awake, il concorso europeo di riciclo creativo dedicato ai giovani designer è finalmente giunto alla conclusione.

Sono stati annunciati i nomi dei 3 vincitori che la giuria ha selezionato tra i 10 finalisti della competizione. La proclamazione dei premiati è avvenuta il 22 aprile, in occasione dell'apertura della Florence Design Week.

Abbiamo seguito il concorso in tutte le sue fasi, fino alla decisone finale per la selezione dei vincitori. La giuria del premio era composta da Anguel Konstantinov Beremliysky (Rappresentanza Commissione Europea in Italia), Serena Carpentieri (Legambiente), Simona Falasca (GreenMe), Riccardo Giordano (IKEA), Alessandro Pumpo (Florence Design Week).

1) Primo Classificato

Al primo posto, come vincitori assoluti, troviamo i ragazzi di Linfa Team, con la collezione Sine Qua Non. Gian Marco Vitti, Luigi Cuppone, Raul Sciurpa e Federico Fiordigiglio hanno lavorato insieme per dare vita a mobili ed accessori esclusivamente in legno riciclato. Così si potranno arredare interni ed esterni senza dover tagliare un solo albero. Tra i pezzi della collezione troviamo sedie, tavoli, scaffali, guardaroba e altri accessori per la casa. I materiali di scarto vengono recuperati anche attraverso le filiere produttive, per un business davvero green. "

Interessante che i materiali di "scarto" vengono recuperati anche attraverso le filiere produttive: intuizione verso un business eco, riciclato e giovane" - ha dichiarato Serena Carpentieri di Legambiente, che ha preso parte alla selezione delle opere.

immagine

sine qua non linfa team

2) Secondo Classificato

Al secondo posto ecco Karen Bauer Borrelli con il Bauer Borrelli Recycle Project. Karen ha ricavato le sue creazioni dagli oggetti gonfiabili da spiaggia, come salvagenti e materassini. Spesso vengono abbandonati poiché rotti e dunque considerati inutilizzabili. Una volta lavati, recuperati e rilavorati, si trasformano in oggetti di uso quotidiano, come borse, astucci, impermeabili, borsellini, cappelli e altri accessori. Ecco che il riciclo creativo salva dalle discariche, o peggio dalle spiagge e dalle acque di mari e oceani, rifiuti di plastica non riciclabili che possono trovare nuova vita in modo davvero utile e divertente.

Secondo Simona Falasca, direttore di greenMe, membro della giuria: "In pochi pensano a quanta plastica viene abbandonata sulle spiagge una volta che materassini, ciambelle e braccioli "si bucano". Si tratta di materiali che, non essendo imballaggi, finirebbero bene che vada, nelle discariche e pertanto ridar loro nuova vita con oggetti di uso quotidiano rientra perfettamente nello spirito di questo concorso. Per di più si tratta di creazioni facilmente replicabili, da cui prendere ispirazione per cimentarsi con un pizzico di fantasia nell'arte dell'upcycling".

immagine

immagine

3) Terzo Classificato

Al terzo posto ecco la collezione Coypù, che è stata realizzata da Alessio Roscilli e Elsa Cresti. Il progetto nasce dal desiderio di ridare vita ad oggetti ormai inutilizzati, trasformandoli in creazioni ecosostenibili e uniche, dai colori fluorescenti. I due designer sono appassionati di artigianato e l'idea ha preso vita dalla loro continua ricerca di nuove ispirazione. I materiali di partenza sono i pallet e vari oggetti inutilizzati recuperati dai cassonetti.

immagine

coypu

Scopri qui tutti i 10 finalisti del concorso.

Marta Albè

Leggi anche:

Generation Awake: i 10 finalisti del concorso europeo di riciclo creativo

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram