Il villaggio tedesco che ha detto addio al petrolio e produce 5 volte l’energia di cui ha bisogno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il villaggio tedesco Wildpoldsried dice addio a bollette e petrolio e mostra al mondo come le rinnovabili sono la soluzione. Una vera rivoluzione è infatti in atto nel piccolo centro bavarese di 2500 abitanti, che riesce a produrre il 500% dell’energia di cui avrebbe bisogno.

Un miracolo? No, solo organizzazione e voglia di investire nel futuro. L’amministrazione del paese, infatti, negli ultimi 18 anni, ha investito in diversi progetti energetici innovativi che hanno portato all’istallazione di impianti fotovoltaici per 4.983 kWp (energia prodotta sotto piena radiazione solare), cinque di biogas, 11 turbine eoliche e un efficiente sistema di energia idroelettrica.

Conseguenza? Il paese non solo ha ottenuto l’energia di cui aveva bisogno, ma attualmente ne produce 5 volte in più e può godere dei profitti derivati dalla vendita dell’eccesso. Un bel colpo, e uno schiaffo a chi non crede nella capacità di queste fonti di energia, rinnovabili, non inquinanti e che possono generare introiti e posti di lavoro.

LEGGI anche:­­­­­­­ IL 90% DELLA NUOVA ENERGIA PRODOTTA NEL 2016 È RINNOVABILE!

Ma non solo. La città è anche sede di numerosi sistemi riscaldamento a biomassa e di 2.100 metri quadri di solare termico. Cinque residenze private sono riscaldate con impianti geotermici e qualche nuova costruzione è stata costruita come ‘casa passiva‘, ovvero con rigorose tecnologie di efficienza energetica. E non sono rare nemmeno le auto elettriche.

windspoldried rinnovabili

Certo è un piccolo centro, non è la stessa cosa nella grandi città o in aree urbane più estese, che hanno bisogno di investimenti più consistenti sia in termini di potenza che di organizzazione complessiva.

LEGGI anche: LA GERMANIA PRODURRÀ IL 100% DELL’ENERGIA DALLE FONTI RINNOVABILI ENTRO IL 2050. ECCO COME

Ma la Germania non ha solo un piccolo villaggio rinnovabile: i tedeschi sono molto vicini a produrre il 30% della loro energia da fonti rinnovabili, il doppio da quella ottenuta dai cittadini degli Usa, dove, lo ricordiamo, si pensa di incentivare il carbone, obsoleto, inquinante e non rinnovabile.

È il modo di pensare che deve cambiare. Fatto quello, la tecnologia e gli investimenti arrivano.

Roberta De Carolis

Foto: Wildpoldsried

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook