La vernice termoelettrica che trasforma il calore disperso in elettricità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Elettricità da calore disperso: grazie alla nuova vernice termoelettrica sviluppata da tre centri di ricerca coreani sarà possibile un giorno “ricatturare” calore disperso per trasformarlo in elettricità. E il tutto solo, magari, tinteggiando la propria casa o la propria automobile.

L’innovativa vernice è il frutto del lavoro congiunto dei ricercatori di Ulsan National Institute of Science and Technology (UNIST), Korea Institute of Science and Technology (KIST), e Korea Electrotechnology Research Institute, e potrebbe, se si verificherà la fattibilità su larga scala, incrementare l’efficienza e contribuire a ridurre ulteriormente l’utilizzo di fonti fossili per la produzione di energia.

D’altronde il calore disperso è una fonte energetica molto spesso sottovalutata e realmente sprecata. Si stima infatti che i due terzi di tutta l’energia prodotta venga persa sotto forma di calore disperso, ma è anche vera una discreta difficoltà di “recupero” di tale energia.

LEGGI anche: TERMOFOTOVOLTAICO: ARRIVANO NUOVE CELLE TPV IN GERMANIO PER ABBATTERE I COSTI

La nuova vernice termoelettrica risulta in effetti particolarmente interessante innanzitutto perché adatta ad ogni tipo di applicazione e, stando a quanto scrivono i ricercatori, utilizzabile su qualsiasi superficie, consentendo il recupero di calore da molte fonti.

Una vernice è inoltre intrinsecamente più versatile: infatti i comuni dispositivi termoelettrici (tutti quelli che trasformano calore in elettricità) sono rigidi e piatti e, quindi, ove applicati, non sono in grado di catturare tutto il calore che potrebbe catturare la vernice.

LEGGI anche: POWER FELT: IL FELTRO ENERGETICO CHE PRODUCE ENERGIA CON IL CALORE

La vernice è fatta con telluro di bismuto, noto componente dei materiali termoelettrici, e si ottiene tramite un processo studiato ad hoc, quindi riscaldata a temperature elevate per 10 minuti per massimizzarne l’efficacia. I test dimostrano che la vernice è più efficiente di qualsiasi altro inchiostro o materiale termoelettrico sviluppato finora.

I ricercatori sostengono che la vernice sarebbe particolarmente utile per catturare il calore dalle pareti e tetti durante i mesi estivi, ma potrebbe essere usata anche su auto e navi e, magari in futuro, trovare applicazioni nella stampa 3D.

Potremmo dunque presto avere tetti e automobili autoproduttori di elettricità?

Il lavoro è stato pubblicato su Nature Communication.

Roberta De Carolis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook