Il vento della metro per produrre energia elettrica: parte il progetto pilota a New Delhi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Produrre energia è più semplice di quanto si possa immaginare. Un gruppo di studenti e di insegnanti del Kalindi College presso l’Università indiana di Delhi, hanno escogitato un modo innovativo per sfruttare l’energia eolica prodotta dai treni della metropolitana.

La velocità dei convogli dunque potrebbe essere sfruttata per produrre energia elettrica. Il progetto che fa parte di un gruppo di lavori su questo settore portati avanti presso l’ateneo indiano punta ad utilizzare il ‘vento‘ prodotto dal passaggio dei treni ad alta velocità durante i loro quotidiani spostamenti.

Il team, composto da 10 studenti e due insegnanti, ha proposto di utilizzare turbine di piccole dimensioni collocate strategicamente per sfruttare l’energia. Ciascuna turbina ha un rotore con delle pale. Quando il vento colpisce le pale, esse iniziano a muoversi producendo energia meccanica. Quest’ultima viene poi convertita in energia elettrica, che può essere immagazzinata in apposite batterie.

Secondo i membri del team che hanno messo a punto il progetto, i punti di ingresso del tunnel e il punto in cui la metropolitana si muove da una linea sotterranea ad una linea di superficie sono ideali per posizionare le turbine, visto che in queste aree la velocità del vento è maggiore.

Finora abbiamo fatto il lavoro teorico utilizzando solo i dati sulla velocità dei treni che la Delhi Metro Rail Corporation (DMRC) ci ha fornito. Secondo i nostri calcoli, una turbina dovrebbe essere in grado di produrre da 200 a 500 watt di potenza all’ora” massimizzando la potenza nei tratti in cui i treni raggiungono una maggiore velocità, ha detto Charul Goel, uno dei membri del team.

La DMRC, dal canto suo, ha già dato agli studenti il permesso di posizionare una turbina, in funzione da qualche giorno, in una stazione della metropolitana attraverso un progetto pilota.

Una volta raccolti i dati forniti dal progetto pilota, il team spera di espandere le potenzialità della soluzione fino a generare circa 3 kW di potenza per produrre energia elettrica grazie al vento.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Spagna: l’eolico è la prima fonte di energia prodotta dal Paese

Le 10 metropolitane più sorprendenti del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook