Dalla pipi’ l’energia per alimentare il Carnevale di Rio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Carnevale di Rio, dalla pipi’ si produce energia. Ogni anno il Carnevale di Rio attrae un’enorme quantità di turisti. Colori, musiche, danze e follie varie animano la città del Brasile ma c’è un problema che si ripropone annualmente: come garantire a tutti i servizi igienici pubblici?

Tra un samba e l’altro, tra un blocos (sfilata di quartiere, ndR) e quello successivo ci si dovrà pur fermare per una pausa pipì. Ma come fare? La soluzione, guarda un po’ sostenibile, è stata trovata quest’anno da uno degli organizzatori della manifestazione, AfroReggae, che in collaborazione con l’agenzia di pubblicità carioca JWT, ha installato degli speciali orinatoi in grado di convertire tali liquidi ‘di scarto’ in energia.

Le problematiche igienico-sanitarie derivanti da una carenza di servizi igienici pubblici ha sempre causato disagi non da poco durante il carnevale più famoso del mondo. I cattivi odori sono un must della capitale brasiliana del carnevale, ma per tentare di arginare il problema quest’anno sono stati installati degli speciali orinatoi che convertono il flusso dei ‘liquidi corporei’ da utilizzare proprio durante il carnevale.

Ma come si può produrre energia dalla pipì? I progettisti degli orinatoi, chiamati Electric Pee, hanno spiegato che l’energia è generata dal flusso del passaggio delle urine in apposite turbine. È un po’ quello che accade nelle centrali idroelettriche. Nel caso di Rio, la potenza è stata immagazzinata in batterie, poi utilizzate per fornire energia ‘portatile’ al sistema audio di AfroReggae.

Abbiamo pensato di trasformare una nota dolente, che ha generato molte polemiche, in qualcosa di più leggero e divertente. Noi abbiamo premiato chi se l’è tenuta po’ più a lungo e ha fatto la pipì nel posto giusto, negli orinatoi, immerso nella musica“, ha detto Ricardo John, CCO di JWT Brasile.

power to pee1

Quanta energia sia stata prodotta dalla pipì scaricata a Rio non è stato possibile calcolarlo, ma sicuramente gli orinatoi-turbine hanno parzialmente ridotto l’impronta ecologica della manifestazione, e hanno reso più profumata l’area di Rio de Janeiro.

Non solo. L’idea brasiliana nata col carnevale potrebbe essere approfondita al di fuori dell’evento. Di certo le turbine ad urina non entreranno mai in concorrenza con altre fonti rinnovabili più ‘nobili’, ma è comunque interessante visto che la pipì può essere sempre a portata di mano, ops, di WC.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Il generatore elettrico che va a urina inventato da 4 ragazze africane

Le 10 più bizzarre fonti di energia alternativa

Combustibile: dalla pipì il nuovo carburante per razzi e veicoli spaziali?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook