Il Regno Unito supera le 100 ore senza usare il carbone per la prima volta in un secolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per la prima volta in 100 anni, il Regno Unito ha fatto a meno del carbone per più di 100 ore. Superando il precedente record stabilito nel weekend di Pasqua del 2019, la Gran Bretagna ha raggiunto questo significato traguardo.

Stando ai dati resi noti ieri dal National Grid, il paese per ben 122 ore ha fatto a meno del carbone, uno dei maggiori responsabili di emissioni climalteranti.

È la prima volta che la nazione viene alimentata per così tanto tempo senza il combustibile fossile. Anche se il paese ha superato 1.000 ore in totale senza carbone nel 2019, segnarne oltre 100 consecutive è un target di tutto rispetto.

“Man mano che sempre più fonti rinnovabili entrano nel nostro mix energetico, i fine settimana come questo sembreranno sempre più la ‘nuova normalità'”, ha detto all’Independent un portavoce del National Grid Electricity System Operator. “Crediamo che entro il 2025 saremo in grado di gestire pienamente il sistema elettrico della Gran Bretagna con zero emissioni di carbonio”.

 

Com’è stata prodotta l’energia in questi giorni? Se si considerano i dati di ieri, il gas ha coperto il 38,0% dell’elettricità britannica, seguito dal nucleare 24,0%, dall’eolico 16,5%, dalle importazioni pari all’8,2%, dal solare 6,2%, dalla biomassa al 5,9%, dall’idroelettrico per l’1%.

“Il funzionamento a zero emissioni del sistema elettrico entro il 2025 sarà un cambiamento fondamentale nel modo in cui il nostro sistema è stato progettato per funzionare; integrazione di tecnologie più recenti in tutto il sistema – dall’ecolico off-shore su larga scala ai pannelli solari su scala domestica – e aumento della partecipazione dal lato della domanda, utilizzando nuovi sistemi digitali intelligenti per gestire e controllare il sistema in tempo reale” ha spiegato Fintan Slye, direttore dell’ESO.

Nonostante la graduale eliminazione del carbone, il Regno Unito è lontano dal raggiungere obiettivi che porterebbero a zero emissioni nette entro il 2020, come richiesto la scorsa settimana dai consulenti del governo sui cambiamenti climatici.

Come rivelano i dati, infatti, la fetta più grande del mix energetico Uk è generata dal gas. Sebbene sia meno dannoso del carbone, si tratta comunque di un combustibile fossile che, in base alla legge sui cambiamenti climatici del 2008, richiede una riduzione delle emissioni dell’80% nel 2050 rispetto ai livelli del 1990.

Anche se il paese è stato il primo a dichiarare l’emergenza climatica, ancora la strada da percorrere è lunga.

Questi gli ultimi dati pubblicati su Twitter sul mix energetico, relativi al 5 maggio

e al 6 maggio:

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook