Tokelau: dall’arcipelago 100% fotovoltaico parte la rivoluzione solare delle isole del Pacifico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C’è un posto nel mondo dove il petrolio non serve, e neanche le fonti fossili. Basta il sole. È il piccolo territorio di Tokelau, isolotto del Pacifico il cui fabbisogno energetico è soddisfatto esclusivamente dall’energia solare.

Ne avevamo già parlato la scorsa estate ma finalmente l’isola è riuscita ad affrancarsi del tutto dalle fonti fossili, affidandosi al calore e alla luce del sole per sopravvivere senza bisogno d’altro. Per questo, alla luce dei risultati ottenuti ha chiamato a raccolta altre 14 nazioni del Pacifico invitandole a fare altrettanto e a combattere in questo modo i cambiamenti climatici.

Formato da tre atolli corallini, Fakaofo, Atafu e Nukunun, Tokelau ospita oltre 4000 pannelli solari. Questi ultimi hanno fatto guadagnare al paese il suo lodevole primato. L’ultimo generatore diesel di Tokelau è stato spento a fine anno, e al suo posto sono stati installati nuovi impianti solari.

Adesso che sono riuscite e liberarsi dalle fonti inquinanti, le popolazioni di alcuni degli arcipelaghi del Pacifico sono scese in campo per diffondere l’idea nel maggior numero di paesi e per farsi promotrici di una ‘rivoluzione’.

Gli attivisti hanno dato luogo simultaneamente a numerosi eventi non solo a Tokelau ma anche nelle isole Fiji, Samoa, Samoa Americane, Tonga, Isole Salomone, Vanuatu, Niue, Isole Cook, Stati federati di Micronesia, Isole Marshall, Palau, Nauru, Tuvalu e Kiribati, nel Warrior Day of Action.

warriordayofaction

La campagna vuole dunque contrastare l’utilizzo dei combustibili fossili, la principale fonte di emissioni di gas a effetto serra, responsabile del cambiamento climatico. “Sappiamo che è una grossa sfida contro l’industria dei combustibili fossili“, ha detto Mikaele Maiava, portavoce del gruppo di attivisti. “È la produzione di carbone, petrolio e gas a mettere a rischio il nostro futuro. Non possono coesistere entrambe. Ed è il nostro futuro che deve vincere“.

Il futuro dei nostri figli improvvisamente sembra più luminoso, perché abbiamo avuto la visione e la perseveranza necessaria ad eliminare i combustibili fossili e passare al 100% di energie rinnovabili” conclude.

Un esempio da seguire.

Francesca Mancuso

Leggi anche: Tokelau: la prima nazione al mondo alimentata completamente dall’energia solare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook