Rinnovabili: produrre energia dagli infrarossi emanati della Terra verso lo spazio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Infrarossi, il calore emanato dalla Terra nello spazio potrebbe diventare una nuova fonte di energia rinnovabile? Sì, secondo i fisici della Harvard School of Engineering and Applied Sciences, che hanno pubblicato il loro studio in Proceedings of the National Academy of Sciences.

L’idea è dell’Italiano Federico Capasso, esperto di fama mondiale nel campo della fisica dei semiconduttori, della fotonica e dell’elettronica. “L‘energia rinnovabile può essere generata ogni volta che il calore fluisce da un corpo caldo verso un corpo più freddo. Un tale flusso si verifica tra la superficie calda della Terra a il freddo spazio esterno, attraverso la radiazione termica infrarossa”, si legge nello studio.

infrarossi2

Per questo, sono stati messi appunto gli Emissive Energy Harvester (EEH), dispositivi in grado di generare energia dall’emissione di radiazione termica verso il cielo. “Calcoliamo il limite termodinamico per la quantità di potenza disponibile, e come caso di studio, tracciamo come questo limite vari giornalmente e stagionalmente in una posizione in Oklahoma“, continua lo studio.

“Non era affatto ovvio, in primis, come generare corrente continua attraverso l’emissione di luce infrarossa nello spazio libero verso il freddo. Può sembrare strano generare energia dal calore emesso, e non assorbendo dalla luce. Ha senso fisicamente, se ci riflettiamo, ma è anche altamente controintuitivo. Stiamo parlando dell’uso della fisica su scala nanometrica per applicazione del tutto innovative“, spiega Capasso.

infrarossi

Ora, Capasso e il suo gruppo di ricerca, stanno lavorano per realizzare qualcosa che assomigli a un pannello solare fotovoltaico, ma che, invece di catturare la luce in arrivo, generi energia elettrica attraverso il rilascio di luce infrarossa. Certo, le tecnologie attuali non sono sufficienti a produrre subito dispositivi Eeh efficienti, ma i recenti sviluppi tecnologici nella plasmonica, nell’elettronica di piccole dimensioni, nei nuovi materiali come il grafene e nella nanofabbricazione indicano già che lavorare sulla progettazione di una soluzione di questo tipo è la strada da seguire.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Fotovoltaico organico: in Sicilia celle solari dagli scarti delle arance

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook