Il sole e l’asilo: in provincia di Napoli un nuovo impianto termico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per bimbi sfrenati e timide bimbette, neonati strepitanti e maestrine premurose – tutti ospiti di un asilo nido di Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli – tra giochi colorati, cambio pannolino, pappe, cacchette e pianti, ecco che spunta il solare termico. Qui la Enam, una società a totale capitale pubblico istituita dal Comune di Pomigliano per la gestione della rete di distribuzione del gas naturale e la promozione e lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili sul territorio, fa sul serio.

Con la ferma intenzione di raggiungere entro il 2012 gli obiettivi stabiliti dal Piano Energetico Comunale di Pomigliano d’Arco, infatti, con il fotovoltaico, con il solare termico, con circa 3 MWh in impianti di cogenerazione alimentati a fonti rinnovabili, con un impianto a digestione anaerobica che produrrà gas e quindi energia dall’organico, la Enam mira ad abbattere del 6,5% le emissioni di CO2.

Ed è così che il solare termico dell’asilo nido è solo la punta di diamante. Un marchingegno, questo, chiamato Jumbo Solar e che parla tedesco. Viene proprio da Amberg, in Germania, infatti, la tecnologia dell’impianto adottato dalla Enam. Si tratta, in buona sostanza, di un sistema che consente di ricevere all’interno dell’asilo aria calda ricavata dai raggi del sole, con la novità di riscaldare aria e non acqua.

E non finisce qui: questo tipo di riscaldamento si aggiungerà a quello tradizionale, permettendo in questo modo di raggiungere un abbattimento di almeno il 24% sul consumo di gas metano. Il progetto dell’asilo nido è, comunque, in attesa di finanziamento nell’ambito del Bando del Ministero dell’AmbienteIl Sole negli Enti Pubblici“.

Non solo, ma la Enam di Pomigliano d’Arco vanta anche un altro programma, che è quello di avere un impianto in grado di produrre energia elettrica ricavata dalla parte organica dei rifiuti urbani con sistema di gestione anaerobica. L’impianto sarà in grado di produrre a regime 3 MWh ora di energia elettrica all’anno e circa 7000 tonnellate di ammendante (per ammendante si intende qualsiasi sostanza, naturale o sintetica, minerale od organica, capace di modificare e migliorare le proprietà e le caratteristiche chimiche, fisiche, biologiche e meccaniche di un terreno) da utilizzare in agricoltura o per le bonifiche.

Quando si dice… “se si vuole si può”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook