Il fotovoltaico galleggiante per salvare la terra (quella che si coltiva)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ad aggiudicarsi il premio Cleantech Open come miglior progetto green del momento (categoria Energie Rinnovabili), è stata quest’anno la Solaris Synergy, azienda israeliana che ha realizzato, dopo anni di studio e ricerca, un prototipo di fotovoltaico galleggiante da 1 KWp. Di questo filone di ricerca avevamo già parlato a proposito di cinque innovativi impianti realizzati o progettati in giro per il mondo, ma a quanto pare l’argomento non è affatto passato di moda. Uno dei maggiori problemi di un impianto fotovoltaico, infatti, è la necessità di sacrificare terreni liberi per realizzarlo. Perché quindi non sfruttare superfici d’acqua come laghi, mari o bacini artificiali?

Detto, fatto. Con una novità fondamentale – motivo per cui, forse, il premio da 100.000 dollari è stato assegnato proprio a loro. Gli ingegneri israeliani hanno utilizzato non la classica tecnologia dei pannelli solari, ma quella più recente del fotovoltaico a concentrazione. Il cui problema principale, a fronte di un maggiore rendimento, è legato alle elevate temperature raggiunte dalle celle. Inoltre, nelle zone desertiche come quelle mediorientali, le escursioni termiche giorno/notte sottopongono ogni giorno i materiali a forti “stress”, che ne accorciano di molto la vita. Si trattava, insomma, di risolvere entrambi i problemi e allo stesso tempo di rendere competitivo l’impianto galleggiante.

La soluzione era… sotto mano, nel vero senso della parola: grazie all’acqua e a un sistema di pompe e serpentine, i materiali semiconduttori vengono mantenuti a una temperatura pressoché costante, senza pericolo di inquinare alcunché. In questo modo, i terreni agricoli saranno preservati, e nessuno potrà lamentarsi per l’impatto visivo sul paesaggio. Resta da vedere se gli ingegneri sapranno realizzare impianti più grandi, in grado di resistere a vento e tempeste. La prossima sfida sarà proprio quella di testarne uno in un bacino idrico d’Israele. La potenza? 200 KW.

Roberto Zambon

Leggi tutti i nostri articoli sul fotovoltaico galleggiante

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook