GsE, il nano-fiore fotovoltaico che conserva e produce energia?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un futuro non troppo lontano potranno essere i fiori ad immagazzinare l’energia dei dispositivi elettronici. Non le margherite, e nemmeno le rose e i tulipani. Questo compito sarà affidato a delle strutture hi-tech realizzate da un team ricercatori della North Carolina State University.

Sebbene non si tratti di un prodotto artificiale, il fine per il quale sono stati creati questi nano-fiori tecnologici è la maggiore efficienza energetica delle batterie e delle celle solari. Essi hanno dei petali di soli 20-30 nanometri di spessore, ma a dispetto delle dimensioni sono in grado di fornire una grande superficie in una piccola quantità di spazio, utile per immagazzinare l’energia nelle batterie al litio o per assorbire la luce nei pannelli solari.

Per creare queste insoliti fiori fotovoltaici, i ricercatori hanno utilizzato un materiale molto particolare, il solfuro di germanio (noto come GeS). Quest’ultimo, simile alla grafite, per la sua struttura atomica ha la capacità di assorbire l’energia solare e convertirla in energia utilizzabile. Ciò lo rende molto interessante per l’utilizzo nelle celle solari anche perché è relativamente poco costoso e non è tossico. Al contrario di molti dei materiali attualmente utilizzati nelle celle solari che sono costosi ed estremamente tossici.

Per creare i fiori di GeS, i ricercatori hanno posto la sua polvere in un forno, fino a quando non ha iniziato a vaporizzare. Il vapore è stato poi fatto convogliare in un’area più fredda del forno, dove la GeS ha depositato dell’aria in un foglio stratificato di soli 20-30 nanometri di spessore e lungo fino a 100 micrometri. Sono stati poi aggiunti altri strati fino a creare un motivo floreale simile a quello di una margherita o di un garofano. “Per ottenere questa struttura, è molto importante controllare il flusso del vapore di GeS, in modo che abbia il tempo di diffondersi in strati, piuttosto che aggregarsi in ciuffi,” ha spiegato Linyou Cao, professore di scienza dei materiali e ingegneria presso l’NC State Universitye e co-autore di un articolo sulla ricerca.

La creazione di questi nano-fiori di GES è eccitante perché ci dà una vasta area di superficie in una piccola quantità di spazio,” continua Cao. “Questo potrebbe aumentare significativamente la capacità delle batterie al litio, per esempio, poiché la struttura più sottile con una superficie più grande può contenere più ioni di litio. Analogamente, questa struttura a fiore potrebbe portare ad un aumento della capacità dei supercondensatori, che sono utilizzati anche per lo stoccaggio dell’energia“.

La ricerca è stata pubblicata su ACSNano.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook