Addio nucleare. Fukushima 100% rinnovabile entro il 2040

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A tre anni dalla crisi nucleare del Giappone, la prefettura di Fukushima annuncia che diventerà 100% rinnovabile entro il 2040. La regione, che ha una popolazione di circa due milioni di persone, non vuole saperne più niente dell’energia dell’atomo, anche se il governo nazionale si sta impegnando per ripristinare i reattori.

È proprio qui che verrà realizzato il più grande parco fotovoltaico di tutto il Giappone. E, sempre qui, in programma c’è anche la costruzione di un enorme parco eolico off-shore da 1 GW. La sua costruzione dovrebbe terminare entro il 2020. La prima fase del progetto sperimentale si è da poco conclusa con l’installazione della prima turbina da 2 MW, allacciata alla rete elettrica lo scorso Novembre.

Non solo grandi parchi. I residenti stessi stanno puntando sulle rinnovabili e sulla generazione distribuita, scegliendo principalmente il fotovoltaico sul tetto e su terreni agricoli, anche per ridare vita all’agricoltura su piccola scala. Come è accaduto con il progetto Solar Sharing, in cui i pannelli solari sono progettati su una struttura a pergolato che lascia filtrare abbastanza luce per far crescere piante al di sotto della copertura. Piante come la colza, in grado di assorbire le radiazioni e contribuire agli sforzi di decontaminazione.

solar sharing

solar sharing2

Il disastro nucleare, insomma, ha cambiato il modo di pensare l’energia del Giappone. Non a caso il Paese è diventato nel giro di qualche anno il secondo mercato fotovoltaico del mondo, con l’installazione di ben 3,54 GW di rinnovabili grazie ai generosi incentivi statali.

Si sta facendo molto anche per rinnovare e ammodernare la rete, che attualmente non è in grado di gestire tutti questi progetti. Su questo fronte saranno ben 33 miliardi i dollari che verranno investiti nei prossimi 10 anni, in particolare per stimolare la crescita dell’energia eolica.

Una recente indagine mostra che il 53% dei cittadini giapponesi vuole che il nucleare sia gradualmente eliminato e il 23% lo vuole chiudere subito. Attualmente, Fukushima ottiene già il 22% dell’ energia necessaria per il proprio fabbisogno da fonti pulite. E la quota è destinata a crescere.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Eolico offshore galleggiante in funzione a Fukushima

Fotovoltaico: al via la costruzione del più grande parco solare del Giappone post Fukushima

Rinnovabili, Giappone: installati 3,54 GW grazie agli incentivi, quasi tutto fotovoltaico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook