Fotovoltaico: pannelli solari al posto dell’amianto sui tetti di Bologna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Addio amianto sui tetti bolognesi: al suo posto il fotovoltaico

Via l’amianto dei tetti di Bologna, e spazio al fotovoltaico. A partire da oggi, 1°marzo, 18mila metri quadrati di tetti bolognesi, che attualmente sono ricoperti da amianto, saranno sostituiti dai pannelli fotovoltaici, che a regime produrranno 2,2 MW di energia.

Frutto del PAES, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, messo in campo dall’Amministrazione comunale bolognese, il progetto “I tetti di Bologna, dall’amianto al fotovoltaico” non solo aiuterà a ripulire i tetti (e l’aria della città) dai veleni dell’amianto ma al tempo stesso sfrutterà l’opportunità per produrre energia pulita, attirando 13,5 milioni di euro di invstimenti.

Come sarà effettuato lo smaltimento? Sarà davvero sicuro? Spiega il Comune di Bologna in una nota che saranno le stesse imprese che installano impianti fotovoltaici a garantire gratuitamente e in maniera sicura lo smaltimento dell’amianto effettuando anche degli interventi di isolamento termico.

Vantaggi? Oltre agli ovvi benefici ambientali legati all’eliminazione dell’amianto e alla produzione di energia rinnovabile, vi sono anche dei vantaggi economici legati al risparmio energetico e all’energia autoprodotta.

Inoltre, i privati che vorranno approfittare dell’opportunità potranno contare sul fatto che le aziende aderenti al progetto sono garantite dai partner sotto il profilo della qualità. “CNA e Unindustria hanno raccolto la sfida di tenere insieme un progetto di sviluppo delle fonti rinnovabili e la rimozione di un elemento fortemente inquinante come l’amianto – sottolinea l’assessore all’Ambiente Patrizia Gabellini – il progetto offre molteplici aspetti virtuosi dal punto di vista dell’integrazione pubblico e privato: il sostegno economico per la rimozione dell’amianto che è un obbligo di legge, la diffusione dell’energia fotovoltaica, il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici”.

Un esempio virtuoso anche alla luce del fatto che in Italia mancano i fondi per le bonifiche.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Amianto, un killer silenzioso. Come sconfiggerlo?

Ecco perché l’amianto è dannoso per l’uomo

Fotovoltaico: bonificata dall’amianto la sede del Gruppo Abele grazie a Energie per il sociale di GSE

Fotovoltaico: Roma dichiara guerra all’amianto e cerca 200 capannoni da bonificare (gratis) con i pannelli solari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook