Per la prima volta, le rinnovabili superano le fonti fossili per la produzione elettrica in Europa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le fonti rinnovabili superano il gas e il carbone nella produzione di elettricità dell’UE. Lo rivela una nuova analisi condotta da Ember e Agora Energiewende. L’Europa spinge dunque sull’acceleratore delle energie pulite.

Eolico, solare, insieme a idroelettrico e biomasse lo scorso anno hanno fornito il 38% dell’elettricità ai paesi dell’Europa, contro il 37% prodotto dalle fossili. Un numero importantissimo. Numeri alla mano, il 2020 è stato l’anno in cui è stata prodotta più energia elettrica pulita. Ma non solo. Per la prima volta, l’elettricità generata dalle rinnovabili ha superato quella prodotta da combustibili fossili.

fossili vs rinnovabili

©Ember

Raddoppiano le fossili, si dimezza il carbone

Secondo l’analisi, il cambiamento è stato guidato dalla rapida crescita della produzione di energia eolica e solare, quota quasi raddoppiata dal 2015 in soli 5 anni. Nel 2020, un quinto dell’elettricità dell’UE proveniva già da sistemi di energia eolica e solare. Le percentuali più elevate sono state registrate in Danimarca (61%), Irlanda (35%), Germania (33%) e Spagna (29%).

solare eolico europa ember

©Ember

Contrariamente alla crescita delle rinnovabili, la produzione di energia a carbone si è dimezzata dal 2015. Solo nel 2020 è scesa di un quinto e tali centrali hanno fornito solo il 13% dell’elettricità all’Europa. Al contrario, la produzione di elettricità dal gas naturale è diminuita solo del 4% lo scorso anno.

calo carbone

©Ember

Uno sviluppo irregolare dovuto anche all’aumento del prezzo dei certificati di emissione. Di conseguenza, le centrali elettriche a gas relativamente rispettose del clima spesso producevano l’elettricità più economica rispetto a quelle a combustibili fossili. Germania, Polonia e Repubblica Ceca, per la prima volta hanno addirittura ridotto la produzione di energia basata sulla lignite per alcuni mesi.

“L’Europa ha raggiunto una pietra miliare all’inizio di un decennio di azione globale per il clima”, ha dettoDave Jones, capo analista elettrico di Ember e autore principale del rapporto. “La rapida crescita dell’energia eolica e solare ha costretto il carbone al declino. Ma questo è solo l’inizio, perché l’Europa si affida all’energia eolica e solare non solo per garantire l’eliminazione graduale della produzione di energia a carbone entro il 2030, ma anche per eliminare gradualmente la generazione di gas, per sostituire le centrali nucleari disattivate e per soddisfare la crescente domanda dalle auto elettriche, per coprire le pompe di calore e gli elettrolizzatori “.

La domanda europea di elettricità è diminuita del 4% nel 2020 e ha toccato un minimo ad aprile durante la prima ondata di Covid-19. Ma la crescita delle energie rinnovabili è stata forte nonostante la pandemia. Un ulteriore calo dei combustibili fossili è stato frenato dall’aumento della domanda di elettricità nel corso dell’anno e dalla produzione di energia nucleare al di sotto della media.

Il maggior ricorso alle rinnovabili si è fatto subito sentire nella produzione di Co2 legata all’elettricità, scesa drasticamente rispetto ai numeri del 2015 (-29%). L’intensità di emissione di anidride carbonica della produzione di elettricità europea ha raggiunto il minimo record di 226 grammi di CO2 per chilowattora nel 2020 .

Nel 2015, ogni chilowattora di elettricità utilizzata ha prodotto circa 317 grammi di anidride carbonica. Ora, quella stessa quantità di elettricità crea “solo” 226 grammi di CO2.

“La ripresa economica dopo la pandemia non deve rallentare la protezione del clima”, prosegue il dott. Patrick Graichen, direttore di Agora Energiewende. “Abbiamo quindi bisogno di una forte politica climatica – come il Green Deal – per garantire un progresso costante”.

Per leggere il report completo, clicca qui

Fonti di riferimento: Agora Energiewende

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook