L’eolico fai-da-te che porta l’energia in Africa utilizzando i rottami

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una turbina eolica a km zero costruita dai rottami. In Kenia, dove oltre l’80% degli abitanti, ovvero circa 30 milioni di persone, non ha accesso all’elettricità, una società sta diffondendo l’eolico fai-da-te fatto con l’e-waste. È questo il progetto, infatti, di Access:energy, divisione energetica di Access:collective, che si occupa dello sviluppo dell’Africa orientale e vuole diffondere l’utilizzo di mini turbine eoliche.

Come? Dando alla popolazione le conoscenze tecniche per realizzare i propri aerogeneratori a partire da rottami metallici, parti di automobili e rifiuti elettronici. Nei Paesi in via di sviluppo l’energia del vento è ancora troppo poco utilizzata. Colpa soprattutto dei costi proibitivi, che spingono spesso a preferire i pannelli fotovoltaici importati dall’estero. È questo che ha spinto Access:Energy a sviluppare un approccio differente, fornendo ai kenioti energia da una trubina autoprodotta.

Il dispositivo si chiama Night Heron Turbine e produce energia elettrica ad un costo di due o tre volte inferiore rispetto ai pannelli solari fotovoltaici equivalenti in potenza. È in grado di generare energia sufficiente per 50 abitazioni rurali (circa 2,5 kWh al giorno), e, soprattutto, può essere costruito con materiali di provenienza locale.

acess energy

Gli usi sono praticamente infiniti, permettendo alle persone di caricare i telefoni cellulari da casa, dando alle cliniche energia sufficiente a mantenere accesi i macchinari o fornendo luce non inquinante, libera dal cherosene, ai bambini che vogliono studiare.

night-heron1

Insegnando alla gente del posto come costruire delle turbine, non solo si favorisce l’energia pulita e l’indipendenza energetica, ma si creano anche posti di lavoro qualificati. “Il 60% dei keniani ha un telefono cellulare, ma solo il 16% di loro ha energia elettrica in casa, il che è semplicemente pazzescoha spiegato il fondatore Harrison Leaf -. Queste applicazioni hanno una potenza generalmente molto bassa, ma il loro impatto sociale ed economico è alto. Se non disponi di queste cose, rischi di essere lasciato indietro. Quindi, nell’era dell’informazione, un elemento di forte equità sociale è proprio l’elettricità“.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Eolico domestico fai-da-te: studenti realizzano turbine eoliche con materiali di scarto

Eolico domestico: come realizzare in casa una turbina fai-da-te

Il generatore elettrico che va a urina inventato da 4 ragazze africane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook