Eolico: Anev chiede riforma al sistema degli incentivi

eolico_ANEV

In tempi in cui la reputazione dell’eolico – causa malaffare e politica – è scesa di molto, l’Associazione Nazionale Energia del Vento torna a far sentire la propria voce. Nel corso dell’audizione annuale dell’Autorità per l’energia elettrica e il vento, presso la Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera, è stata infatti presentata una “memoria” in cui l’ANEV chiede più impegno, da parte del governo, nella promozione e diffusione dell’energia rinnovabile eolica.

Nella fattispecie l’associazione, che riunisce circa 2.000 soggetti del comparto eolico nazionale in Italia e all’estero (tra produttori, operatori, impiantisti, progettisti, eccetera…), ha messo in chiaro, nel documento, alcuni punti centrali:

  • la revisione del meccanismo degli incentivi, al fine di garantire un ritorno minimo degli investimenti ed evitare speculazioni finanziarie nella compravendita dei Certificati Verdi;
  • la lotta al “mercato” delle concessioni e a quello delle autorizzazioni, causato dall’applicazione di normative poco chiare, che andrebbero dunque migliorate;

  • infine, la correzione di alcuni parametri inerenti il calcolo dell’indice di affidabilità previsto nella Delibera 05/2010, che andrebbe a penalizzare in modo eccessivo il sistema dell’eolico.

Insomma, piccoli aggiustamenti di rotta affinché il settore possa continuare a crescere. E tutto questo in vista dell’accordo 20-20-20, ovvero: la riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro i prossimi 10 anni, e nello stesso tempo il 17% di energia elettrica primaria (l’Italia “beneficia” di uno speciale sconto del 3%) prodotto da fonti rinnovabili. Un obiettivo a cui ci stiamo avvicinando – si legge nella memoria dell’ANEV – anche grazie al settore eolico, che permetterà di coprire una buona fetta dei 16.000 MW previsti.

Il che porterà non solo a coprire i consumi di 23 milioni di persone in tutta Italia, ma anche a sviluppare l’industria del paese con la creazione di 67.000 posti di lavoro – i famosi green job. Se la posta in gioco è alta, il prezzo da pagare sembra un po’ di impegno e attenzione in più da parte delle istituzioni. A buon intenditor…

Roberto Zambon

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

corsi pagamento

seguici su facebook