E-Cat: Rossi dice Sì ad una dimostrazione in streaming

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aveva detto: mai più test pubblici sull’E-Cat. Lo avevano pregato e gli avevano offerto macchinari, laboratori e quant’altro pur di capire se davvero partendo dal nichel e dall’idrogeno era possibile compiere il miracolo energetico. La risposta di Andrea Rossi era sempre stata solo una: No. Ma per la prima volta, l’ingegnere ha accordato ai propri seguaci sul web di vedere al lavoro l’E-Cat, ma in streaming.

Un’idea venuta ad uno degli utenti del sito Journal of Nuclear Physics, che ha chiesto espressamente a Rossi di visionare l’esperimento, non dal vivo, ma via web. Queste le parole di Kim Patterson: “Con il dovuto rispetto, basterebbe realizzare un’unità e farla funzionate per 24 ore in streaming video dal vivo. Questa è una cosa semplice e questo è ciò che la gente vuole. Tutto il resto è masturbazione mentale”. Parole forti, che a quanto pare, devono aver colpito e affondato Rossi, che ha risposto “Great idea!”: “Grande idea, lo faremo (non il fai-da-te mentale)”.

Un piccolo ma grande passo alla scoperta dei misteri dell’E-Cat e della fusione fredda, di cui sono sempre più i sostenitori. Di recente, anche l’Ordine degli ingegneri di Bologna ha dato il proprio appoggio all’idea di Rossi e Focardi.

Ma non corriamo troppo. Come si legge sul Journal e su E-Cat World, non è la prima volta che si palesa la possibilità di trasmettere in streaming esperimenti che riguardano l’E-Catalyzer. Altri utenti del blog lo fanno notare. Un certo Italo Albanese, infatti, suggerisce non a torto che non si tratta della prima volta che Rossi parla di un test in streaming. E Rossi, dal canto suo, non lo nega ma motiva così la ragione per cui tale soluzione non sia ancora stata attuata: “Dobbiamo attendere di avere il cliente giusto, che ci consenta di mettere online la storia dell’impianto. Lo farò, non appena avrò questa possibilità”.

Intanto su ecat.com, sito ufficiale di Rossi e delle sue società l’Hydro Fusion e la Leonardo Corporation), pare sia stato reso noto che l’E-cat da 1 MW costerà 2 milioni di dollari. Forse cambierà le sorti dell’energia, ma chi potrà permetterselo?

Francesca Mancuso

Leggi tutti gli articoli sull’E-cat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook