E-cat: l’Università di Bologna recide il contratto per la fusione fredda di Rossi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E-Cat e Università di Bologna. Finito il rapporto tra la fusione freddamade Andrea Rossi” e l’ateneo bolognese. Lo ha annunciato Dario Braga, Professore ordinario di Chimica Generale e Inorganica, in un’intervista rilasciata a New Energy Times.

Secondo quanto si legge sul sito, il contratto tra la EFA, la società italiana di Rossi e l’Università di Bologna non avranno più alcun contatto. È stato rescisso il contratto tra il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna sottoscritto nel giugno 2011 con l’EFA per via del mancato soddisfacimento delle condizioni al termine contrattuale previsto.

Lo scorso novembre, l’Ateneo bolognese, nonostante avesse preso le distanze da Rossi, precisando di “non essere coinvolto negli esperimenti sull’E-Cat condotti dalla società Leonardo Corp. di proprietà di Andrea Rossi“, aveva aggiunto di essere “pronto a svolgere esperimenti sull’apparato E-Cat non appena il contratto siglato con la EFA SrL sarà reso attivo”.

Ma così non è stato. “Il contratto si è concluso il 15 gennaio ed è stato cancellato dall’Università” ha dichiarato Braga. “Pertanto, non esiste una relazione ulteriore tra l’Università e Rossi e la sua società“.

Anche l’ultimo frammento di cordone ombelicale che ancora teneva legato l’ingegnere alla patria natìa è stato (forse) definitivamente tagliato. Ad accogliere e produrre il catalizzatore sarà solo la grande madre adottiva America, come lo stesso Rossi ha recentemente dicharato.

La Florida terrà nel proprio grembo l’E-Cat per altri nove mesi, fino ad ottobre circa, quando verrà avviata la commercializzazione dei dispositivi domestici.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook