Fusione fredda, Rossi da Zurigo: ‘L’E-Cat non ancora maturo per il mercato’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E-Cat. La fusione fredda di Rossi ha meno segreti. Nel corso del weekend Zurigo ha ospitato un evento volto alla presentazione delle nuove tecnologie basate sulle LENR. Nel corso dei convegni, l’ingegnere italiano ha fornito nuovi particolari sul suo catalizzatore, autorizzando anche la pubblicazione di tre report sulle misure di validazione effettuate nel corso dell’estate. Che qualcosa stia davvero venendo fuori?

Una delle prime novità emerse dal convegno è stata quella che riguarda il nome dell’azienda che sta collaborando alla trasformazione dell’energia termica in elettrica: si tratta di Siemens AG, come lo stesso Rossi ha confermato. A Zurigo erano inoltre presenti i licenziatari dell’E-cat nel mondo, da quello tedesco a quello inglese e naturalmente quello italiano, la Prometeon di Aldo Proia, che avrebbe addirittura ricevuto l’autorizzazione da parte di Rossi alla pubblicazione della brochure illustrativa dell’offerta di E-Cat italiano:

  1. E-Cat termico ad alimentazione elettrica: ordinabile e disponibile – Taglio minimo: 1 MW

  2. E-Cat termico alimentato a gas (Gas Cat): si accettano preordini – Taglio minimo: 1 MW

  3. E-Cat elettrico stand-alone: in corso di sviluppo – Taglio minimo: >10 MW

  4. E-Cat cogenerazione termico-elettrica (Hot Cat): in corso di sviluppo con la Siemens Ag

Durante il convegno tenuto lo scorso 8 settembre, Rossi ha precisato che l’E-Cat “è un prodotto nuovo, ma non ancora maturo per il mercato”. Tuttavia molto è stato fatto, e i risultati raggiunti nel corso dell’estate sarebbero positivi, ben oltre le aspettative iniziali. Secondo Rossi infatti molto di ciò che è stato scoperto è stato ‘incidentale’: “In questi due anni abbiamo scoperto che, quello che credevamo fosse il cuore del funzionamento dei nostri impianti, e cioè la trasmutazione del nichel in rame, in realtà è un effetto collaterale, che deriva dall’energia sviluppata dalla produzione di gamma a bassa energia. […] Noi abbiamo quindi rielaborato la teoria che, per motivi di proprietà intellettuale, stiamo aspettando a pubblicare“.

Anche se l’E-Cat sembra a un passo da noi, è ancora avvolto nel mistero, come ha ribadito Rossi a Zurigo: “Quello che succede all’interno non può essere rivelato. È un campo minato“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook