E-Cat, Rossi: nella sua fusione fredda “il calore è prodotto da radiazioni”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E-Cat. Si torna a parlare della fusione fredda con Andrea Rossi. Di recente l’ingegnere ha rilasciato un’intervista a a ColdFusionNow, spiegando altri dettagli riguardo al suo lavoro, ma non riguardo all’E-Cat che fino alla fine rimarrà un mistero.

Com’è facile immaginare la prima domanda posta a Rossi ha riguardato la produzione di calore, ossia il modo in cui il suo catalizzatore è in grado di rilasciare energia termica. E a tal proposito, Rossi ha precisato: “La fonte di calore è costituita dalle radiazioni che sono emesse come effetto quando l’idrogeno e il nichel reagiscono in presenza di catalizzatori“. Ne consegue che una radiazione c’è, e quindi una reazione di fusione nucleare. Ultimamente tale punto è stato messo in dubbio da altre dichiarazioni di Rossi che a margine dei controlli effettuati dal Florida Bureau of Radiation Control aveva sottolineato il fatto che dalla reazione non provenisse alcun materiale radioattivo.

Abbiamo una idea precisa circa l’effetto e la fonte. È già stata elaborata una teoria, ma sto aspettando fino a quando i brevetti non saranno concessi per descriverla visto che è strettamente connessa alla tecnologia. Abbiamo imparato la teoria dalla tecnologia e imparato la tecnologia dalla teoria di partenza“. Fin qui niente di nuovo emerge dalle parole dell’enigmatico padre dell’E-Cat.

Ma la vera novità è che negli ultimi anni, a detta di Rossi, l’E-Cat sarebbe cambiato, e parecchio: “Quello che posso dire ora è che ho cambiato molto le mie idee in questi ultimi due anni. Due anni fa, pensavo che l’E-Cat lavorasse su un effetto che poi è stato descritto, ma ora ho cambiato idea in buona parte, e penso che abbiamo scoperto fino in fondo la fonte dell’effetto. Penso che abbiamo capito molto bene in che modo l’E-Cat operi“. A dir poco rassicurante.

Alla fine del colloquio, poi, gli è stato chiesto dove si trova la sua fabbrica ma come sempre ha glissato, ironizzando: “Non vi dirò dove si trova la mia fabbrica, nemmeno sotto tortura! Il fatto è che tutte le volte che ho dato le informazioni sul nome di un cliente o il nome di un fornitore, questi ultimi sono stati sommersi da decine di migliaia di contatti inopportuni. Potete immaginare i rischi per la sicurezza“.

Quando sarà in funzione, sarà impossibile nasconderne il funzionamento. Ma per ora, vogliamo lavorare in pace “. Fine della storia.

Ma quasi a volersi far perdonare dell’impenetrabile silenzio ha rivelato: “La linea robotizzata è già in costruzione. La fabbrica sarà negli Stati Uniti d’America, l’E-Cat sarà un prodotto Made In The USA, sia per la versione industriale che per quella domestica“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook