Fusione fredda, Rossi: “L’E-Cat da 1MW a breve n vendita negli USA”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E-Cat. Andrea Rossi annuncia che a breve il suo dispositivo da 1MW basato sulla fusione fredda sarà commercializzato negli Usa. Stando a quanto riporta il sito Oilprice.com, cui l’ingegnere avrebbe rilasciato un’intervista, non mancherebbe molto al rilascio in America dell’E-Cat.

Contro detrattori e increduli, Rossi risponde con la certezza della diffusione del suo dispositivo, ormai quasi pronto per essere immesso sul mercato. Inoltre, parla anche degli eventuali costi dell’E-Cat che potrebbero aggirarsi attorno ai 10 dollari per megawatt/ora. Precisa però che non si tratta di una stima ufficiale.

La macchina E-Cat è fondamentalmente un riscaldatore. Si utilizza un catalizzatore segreto per fondere l’idrogeno e il nichel per formare rame. Il rame ha uno stato di energia inferiore al nichel, e l’eccesso di energia viene rilasciato sotto forma di un raggio gamma. Il raggio gamma colpisce una parete di piombo dove viene assorbito e trasformato in calore. L’intero processo è estremamente efficiente e può riscaldare qualsiasi fluido che passa attraverso la macchina” assicura Rossi.

E contro chi non crede alla sua invenzione, risponde motivando il perché della reticenza nei suoi confronti: “Era difficile credere che avevo finalmente prodotto un esempio di LENR. Ho pagato Sergio Focardi, fisico e professore emerito presso l’Università di Bologna, per cercare di convincermi che mi sbagliavo, e alleviare me della mia ossessione per le LENR. Alla fine ho finito per convincerlo, ed egli decise di lavorare con me nello sviluppo dell’E-Cat“.

Rimane il fatto che il mondo scientifico ed accademico è stato tagliato fuori, ma Rossi non ha mai avuto dubbi o esitazioni. Intanto, mentre dagli States Rossi lascia intendere che a breve uno dei suoi dispositivi farà capolino nel Nuovo Continente, In Italia l’ENEA fa il punto sullo stato della ricerca sulla fusione nucleare e sulle ricadute per l’industria nazionale legate alla costruzione di ITER, un nuovo esperimento di fusione made in Italy.

Giovedì presso la sede dell’ENEA di Roma un team di esperti, insieme al Ministro dell’Istruzione Profumo illustrerà le novità e le prospettive legate al progetto ITER.

Francesca Mancuso

Leggi su NextMe l’intervista all’esperto dell’ENEA Roberto Cesario

Leggi su NextMe l’approfondimento sul Progetto ITER

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook