Firmato decreto rinnovabili: si premia autoconsumo e rimozione amianto

È stato firmato dai Ministri Luigi Di Maio e Sergio Costa il decreto FER1, provvedimento che incentiva la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Il decreto ha come obiettivo quello di promuovere la diffusione di impianti fotovoltaici, idroelettrici, eolici e a gas di depurazione, per raggiungere entro il 2030 i traguardi europei definiti dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima.

Grazie al nuovo decreto, verranno incentivati attraverso tariffe agevolate gli impianti che producono fino a 1 megawatt di energia da fonti rinnovabili.

Le istruzioni per accedere agli incentivi saranno pubblicate in seguito all’entrata in vigore del decreto, ma si sa già che ad essere ammessi al bando saranno gli impianti con potenza inferiore a 1 megawatt sia di nuova costruzione sia oggetto di rifacimento o di interventi di potenziamento.

Solo per gli impianti fotovoltaici saranno ammessi esclusivamente quelli di nuova costruzione e realizzati con componenti nuovi e tali impianti dovranno inoltre rispettare i divieti di accesso agli incentivi statali previsti per gli impianti costruiti in aree agricole.

Grazie al provvedimento sarà possibile aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili di circa 12 miliardi di kWh e verrà data la priorità alla realizzazione di determinati impianti, tra cui quelli fotovoltaici costruiti su edifici pubblici come scuole e ospedali o su discariche chiuse al fine di bonificarle.

La precedenza sarà data anche agli impianti connessi parallelamente alla rete elettrica e alle colonnine per la ricarica delle auto.

Un grande lavoro di squadra dei due ministeri, ambiente e sviluppo economico, che darà impulso alla produzione di energia rinnovabile, creando migliaia di nuovi posti di lavoro e puntando alla attuazione della transizione energetica, in un’ottica di decarbonizzazione – ha commentato Di Maio

Il decreto modifica inoltre il riconoscimento del premio sull’autoconsumo: gli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione a coperture in amianto o eternit avranno diritto a un premio pari a 12 euro per ogni MWh di energia prodotta.

Agli impianti di potenza fino a 100 kW sverrà attribuito un premio di 10 euro/MWh sulla quota di produzione netta consumata: tale premio sarà cumulabile con quello per pannelli montati per sostituire coperture in amianto.

Secondo Costa si tratta di:

Una vera e propria rivoluzione copernicana, un cambio di paradigma. si premia l’autoconsumo di energia per gli impianti su edificio fino a 100 kW e l’eliminazione dell’amianto, si incentiva la produzione di energia sostenibile oltre che rinnovabile. Questo decreto è una grande opportunità di sviluppo e di tutela ambientale

Il Decreto è stato inviato per la registrazione alla Corte dei Conti prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook