Da Eni e Mit in arrivo “carta solare” che produce energia e quella che assorbe petrolio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
La collaborazione tra l’azienda italiana Eni e il MIT di Cambridge continua a dare i suoi frutti. Sono infatti state presentate ieri un paio di novità che potrebbero rivoluzionare altrettanti ambiti, quello dell’energia solare e quello dei devastanti oil spill, ovvero le fuoriuscite accidentali di petrolio, l’ultima delle quali avvenuta nel Golfo del Messico e conclusasi solo poco tempo fa.

Nello specifico, la prima novità, annunciata già a maggio di quest’anno, è una sorta di carta solare, e cioè un foglio – di carta, appunto – cui vengono “attaccati” sopra cinque strati, ciascuno con una funzione diversa: c’è quello per trasformare la luce solare in energia elettrica, quello per trasportarla e così via… risultato finale? Una cella solare poco più spessa di un foglio. “Il processo di realizzazione” ha spiegato il professore di ingegneria chimica Karen Gleason, a capo dei laboratori di ricerca “è simile a quello che porta alla formazione della brina sulle finestre esposte al gelo”.

Per quanto riguarda costi e tempi di realizzazione, Gleason è convinto che la carta solare sarà disponibile all’incirca entro cinque anni, e assicura che produrla non è affatto costoso, in quanto si utilizzano solo materiali organici e polimeri. Inoltre, la temperatura necessaria alla fabbricazione è piuttosto bassa. Le applicazioni sono infinite: sulle tende esposte al sole, sul dorso di un libro o sopra un notebook chiuso, qualsiasi superficie potrebbe andare bene, tanto che è stato addirittura realizzato un modellino di aeroplano-cella solare, visibile qui sotto.

carta_solare_aereoplano

Parliamo ora della seconda novità, frutto di un team di ricercatori coordinato questa volta dal professor Philip Gschwend. L’applicazione è completamente diversa, ma pur sempre di carta si tratta: il prototipo in questione è infatti una “carta assorbente” – composta da particelle nanometriche idrofobe – in grado di “succhiare” dall’acqua contaminata agenti inquinanti e pericolosi, come ad esempio i solventi. Basterà posizionare la carta, assicura Gschwend, intorno a specifiche boe, per poi “strizzarla” dentro contenitori adatti.

Paolo Scaroni, CEO di Eni, ha espresso piena fiducia e soddisfazione per il progetto. Peccato per tempi di commercializzazione: secondo il professore non sarà disponibile prima di diversi anni, se non decenni.

Roberto Zambon

Foto: CNET

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook