A conclusione del Campionato Solare 2012 sono stati nominati quei comuni che si sono dimostrati maggiormente avanzati per quanto concerne la rivoluzione energetica e le possibilità offerte dal solare in alternativa alle fonti fossili. I Comuni di Bentivoglio, Cigliano, Forlì e Narni sono risultati i maggiori sostenitori di un'energia alternativa, pulita, moderna e democratica.

La cerimonia di premiazione, che si è tenuta nella giornata di oggi, giovedì 6 settembre, a Roma in occasione della Fiera Zero Emission, ha visto, oltre alla nomina dei quattro Comuni sopracitati, l'assegnazione di un riconoscimento speciale alla città di Bologna, meritevole di aver realizzato la prima Mappa Solare in Italia, che raccoglie online gli impianti fotovoltaici e termici del proprio territorio.

Il Campionato Solare 2012, organizzato a cura di Legambiente, è nato al fine di monitorare la situazione italiana a livello comunale relativamente alla diffusione del solare termico e fotovoltaico nelle città italiane. Tutti i Comuni italiani partecipano automaticamente al concorso, ma rientrano nella classifica finale soltanto quelle località che abbiano installato nel proprio territorio impianti sia fotovoltaici che termici.

A contribuire alla selezione dei comuni più virtuosi dal punto di vista della scelta dell'energia solare è anche l'attuazione da parte degli stessi di precise politiche energetiche volte a favorire il ricorso alle fonti rinnovabili. I Comuni designati come vincitori devono essere considerati il simbolo di come il settore del fotovoltaico e del solare possa rappresentare una soluzione adatta a Comuni e famiglie per poter avere a disposizione un'energia pulita e conveniente.

I dati in merito sono fortunatamente incoraggianti. Si registra che dall'inizio dell'anno e per i primi sei mesi del 2012 il solare fotovoltaico ha garantito il 6.8% della produzione energetica netta nazionale, una percentuale che nel mese di luglio ha superato l'8%. Purtroppo però, nel nostro Paese, il solare non sarebbe ancora considerato come una soluzione possibile da parte dei suoi numerosi detrattori, come sottolineato da parte del vice-presidente di Legambiente Leonardo Zanchini:

"La prospettiva per il solare in Italia risulta difficile, perché è al centro di una campagna mediatica che vorrebbe fermarne lo sviluppo evidenziandone solo gli impatti negativi in bolletta (quando il peso degli aumenti è dovuto principalmente all'aumento del prezzo del petrolio) e quelli paesaggistici dovuti agli impianti a terra. Queste accuse sono chiaramente interessate e ipocrite, spinte da chi vuole salvare impianti vecchi e inquinanti per evitare che lo scenario energetico italiano cambi davvero".

La speranza è che i Comuni vincitori del concorso possano essere presi in considerazione come il simbolo di una vera e propria svolta energetica, da attuare in un futuro che non potrà essere molto lontano, dato che le fonti fossili non possono essere considerate inesauribili e che l'acquisto di energia dall'estero non può rappresentare una continua ancora di salvezza, se si desidera che l'Italia divenga il più possibile autonoma in merito all'approvvigionamento energetico.

È dunque necessario porre in essere fin da subito un progressivo ma radicale cambiamento energetico, del quale cittadini, enti, amministrazioni pubbliche e aziende private possono a partire da oggi dare testimonianza grazie alla nascita di un nuovo progetto per la "Mappatura del solare", che sarà consultabile tramite il sito web CampionatoSolare.it, dove ognuno potrà indicare il proprio impianto solare termico o fotovoltaico.

Marta Albè

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog