onde_venezia

Venezia, il mare, la laguna dal fascino indiscusso. Ma cosa succederebbe se le acque fossero utilizzare per produrre energia elettricapulita a costo zero? Il moto ondoso potrebbe davvero dare vita all'energia? A rivelare il progetto è stato il Comune di Venezia, a Rimini, in occasione di Ecomondo, insieme ad AGIRE, l' Agenzia Veneziana per l’Energia.

Con la collaborazione di privati che detengono dei brevetti propri (GIANT e WEM), il Comune ha avviato la sperimentazione, utilizzando le onde per generare energia pulita. I primi risultati saranno valutati nell'estate del 2012, a un anno dall'installazione.

Non solo le onde marine naturali ma anche tutti i movimenti generati ad esempio dai mezzi a motore all'interno della Laguna, saranno adoperati per dar vita all'energia. In un primo momento dunque si sperimenterà il sistema GIANT, un a sorta di fungo, adesso installato nella sua versione più piccola, in grado di immagazzinare e produrre a pieno regime 12mila Kwh l'anno. A breve inoltre sarà inserito nella sperimentazione anche il sistema Wem, anche se più impattante e complesso, ma in grado di produrre ben 35mila Kwh all'anno.

Il progetto “Energia dalle onde" fino ad ora ha portato alla realizzazione di 3 prototipi, 2 da installare in mare aperto e uno già installato in laguna. L’installazione dei prototipi in mare aperto, tra cui lo stesso GIANT (Generatore Integrato Autonomo Non Tradizionale) e WEM (Wave Energy Module), prevede:

  • Il posizionamento dei dispositivi vicino alla piattaforma del CNR, posta di fronte al Lido, e la verifica iniziale del buon funzionamento dei prototipi;

  • La raccolta dati dalle boe;

  • Le proposte per l’utilizzo di impianti che possano produrre e distribuire l’energia prodotta da tale sistema.

L’installazione del prototipo GIANT in laguna, ossia nel canale della Giudecca, è stato avviato lo scorso mese di Agosto e prevede:

  • Il posizionamento in laguna di un modulo utile a monitorare per il periodo di tempo concordato (12 mesi), la potenzialità del sistema riguardo alla produzione di energia. In questo caso, due saranno gli step: si eseguirà un primo periodo di prova per verificare la qualità e l'affidabilità della componentistica e successivamente, si giungerà all'installazione della versione finale dell'impianto.

  • La raccolta dati dal prototipo e la successiva elaborazione.

  • Le proposte per l’utilizzo di impianti che possano produrre e distribuire l’energia prodotta grazie a tale sistema.

Questo sistema, sperimentato proprio per Venezia – ha spiegato l'assessore all'Ambiente Gianfranco Bettin - sfrutta il moto ondoso e anche le onde di rimbalzo sulle rive. Un sistema ingegnoso capace, una volta a regime, di diventare un micro-serbatoio di energia ad uso domestico”.

giant_schema1

Si legge sul sito di GIANT: "Il sistema è equivalente al solare fotoelettrico e all’eolico, non vi è produzione di CO2, c’è solo produzione di energia rinnovabile, per 1 KWh di elettricità ci sono 0 grammi di CO2, analogamente per la produzione di idrogeno low–cost per le automobili o per gli impianti industriali e per la produzione di acqua desalinizzata o calda".

Un buon inizio, non credete?

Francesca Mancuso

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram