fusione_fredda_test-e-cat

Un’attesa, lunga ed estenuante quella a cui Rossi ci ha costretti fino ad oggi. Mentre la “febbre e-Cat” impazza tra curiosi ed appassionati di tutto il mondo, è giunto finalmente il giorno fatidico, il giorno della verità sulla fusione fredda. O almeno è quanto speriamo. Perché oggi, venerdì 28 ottobre, è il giorno in cui avverrà il nuovo, e forse decisivo, test sull’E-Cat di Andrea Rossi. Il giorno in cui gli esperti inviati dal suo misterioso cliente proveranno nell’oramai celebre laboratorio bolognese il miracoloso impianto nucleare a fusione fredda da 1 MW, in grado di funzionare, secondo le ultime rivelazioni dell’Ingegnere, con soli 10 chili di nichel e 18 di idrogeno .

Si aspetta di fare un buon lavoro, Andrea Rossi. Lo rivela egli stesso in una conversazione con altri utenti sul Journal of Nuclear Physics, rispondendo a “RockEye” che gli augurava buona fortuna per oggi: “Grazie: ora sono le 16:00 del 27, e stiamo ultimando gli ultimi dettagli dell’impianto. Penso che domani faremo, con l'aiuto di Dio, un buon lavoro. Il mio lavoro, fondamentalmente, è finito. Entro un'ora i Consulenti del Cliente arriveranno per avviare il controllo di tutte le parti dell’impianto e preparare tutte le loro attrezzature per il test di domani. Fino a qualche ora fa ho sentito una forte pressione, ora, alla vigilia della battaglia, come al solito, sto recuperando tutta la mia freddezza e la mia calma. Siamo pronti”. Insomma, ieri pomeriggio era già tutto pronto. Rossi appare giustificatamene ansioso, come quando ci si appresta ad affrontare una delle giornate più importanti della propria vita.

E mentre si aspettano le prime notizie ufficiali (che verranno diffuse non prima di domani) sul web continua a far parlare l’identità del cliente, il mister X che si nasconde tenacemente dietro l’anonimato. L’ultima indiscrezione diffusa anche da L'essenziale, vuole che il cliente segreto sia addirittura Google. Perché, digitando sulla barra degli indirizzi del proprio browser www.e-cat.com, si viene reindirizzati automaticamente alla pagina www.google.com/green, ovvero la pagina ufficiale del colosso informatico che illustra le iniziative intraprese in materia ambientale. Scherzetto studiato ad hoc per depistare o clamoroso errore che rivela la vera identità del cliente?

Il mistero si infittisce, ma, nell’irto intreccio di domini, siti e redirecting, analizzati per filo e per segno dall'ennesimo utente del Journal of nuclear physics, Sverre Hanch Haslund da Oslo, ciò che viene da pensare, sinceramente, è che si possa trattare più di fantascienza che di realtà…Noi restiamo scettici, almeno fino a prova contraria.

Ma, proprio perché abbiamo conosciuto la celebre capacità di Rossi di cambiare rapidamente le carte in tavola, speriamo davvero che riesca a sbalordirci, fugando tutti i nostri dubbi. In poche ore potremmo sapere la verità su tutto, dal cliente al funzionamento dell’e-cat. Ovviamente, speriamo ardentemente di venir strigliati per non aver ceduto all’atto di fede che ci era stato chiesto. Per non aver creduto ciecamente di avere di fronte il mezzo della rivoluzione energetica che avrebbe risolto i problemi dell’umanità, almeno per quello che riguarda l’accesso all’energia. E forse un giorno Rossi ci potrà dire: "perché mi hai veduto, hai creduto: beati coloro che non videro e tuttavia credettero!" .

Roberta Ragni

Leggi tutti i nostri articoli sulla fusione fredda e l'E-Cat di Rossi

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog