fonti_rinnovabili

Che nel 2050 potremo fare a meno delle fonti fossili, e ottenere tutta l’energia necessaria esclusivamente dalle rinnovabili, è un'ipotesi sempre più concreta, già sostenuta dagli studi di Greenpeace e del WWF. Ieri tale ipotesi è stata ribadita durante il convegno organizzato a Roma dal Kyoto Club, dal titolo "100% Rinnovabili- La sfida per le energie verdi entro il 2050", in occasione del sesto compleanno del protocollo di Kyoto.

Al centro del dibattito: le opportunità, le potenzialità, i problemi da risolvere, le realtà da incoraggiare e gli strumenti necessari per arrivare a coprire - anche nel nostro Paese – il 100% della domanda energetica o elettrica con le fonti rinnovabili. Entro la metà di questo secolo.

Ormai gli studi che supportano questa possibilità iniziano ad essere numerosi (e questo dovrebbe spingere i nuclearisti più convinti a smussare le loro idee), sia a livello nazionale che internazionale. Le ricerche pubblicate fino ad oggi hanno calcolato - in modo oculato e preciso - la fattibilità e i costi per coprire con le fonti rinnovabili la totalità della domanda energetica; secondo le stime - entro la metà del secolo- si potrebbe tranquillamente raggiungere l’obiettivo.

Proprio per questo, diversi governi, oltre a definire obiettivi vicini (entro il 2020) hanno anche fissato quelli più lontani, fino al 2050: un’occasione per fermare i cambiamenti climatici (attraverso il taglio delle emissioni di Co2) e garantirsi cosi l’approvvigionamento delle fonti energetiche.

E l’inversione di tendenza si fa sempre più evidente: da due anni si investe più nelle energie rinnovabili che nelle fonti fossili e nel 2009 - sia in Europa e negli Stati Uniti - la potenza installata di rinnovabili è stata maggiore rispetto alle fonti tradizionali.

Secondo Catia Bastioli, CEO di Novamont S.p.A. e Presidente di Kyoto Club, è importante che “anche l’Italia dia priorità al cambiamento di modello di sviluppo economico, ormai non più sostenibile, e riconosca la centralità della sostenibilità ambientale e della qualità dei territori, non solo per salvare il pianeta, ma anche per dare competitività economica ai territori stessi, sfruttando l’economia della conoscenza”.

In Europa - ha detto Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club - il 100% di copertura della domanda elettrica con le rinnovabili si potrà articolare nella creazione di milioni di punti di generazione distribuiti e nella realizzazione di una forte rete di interconnessione capace di trasferire energia dai parchi eolici off-shore dai mari del Nord e dalle centrali solari del Sahara. Si dovrà assistere ad una forte riduzione dell’intensità elettrica – ha continuato Silvestrini - accompagnata però da un aumento della domanda per nuove applicazioni nei trasporti e nell’edilizia”.

Senza considerare il risparmio sulla bolletta, che verrebbe ridotto complessivamente di 3 miliardi di euro ogni anno.

Ma in Italia, come faremo a soddisfare la domanda di energia?
Secondo il direttore del Kyoto Club, la gran parte si otterrebbe dagli impianti idroelettrici, eolici, geotermici e a biomassa, una parte meno consistente dalle importazioni di elettricità verde (specie dall’Africa) e il resto dall’energia solare, attraverso il fotovoltaico.

D’altro canto, c’era da aspettarselo nel Paese più soleggiato d’Europa!

Verdiana Amorosi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram