fotovoltaico_unisolar_cancun2010

A pochi giorni dall'apertura della XVI conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite a Cancun, Enel Green Power annuncia l'installazione di 903 pannelli fotovoltaici sul tetto dell'Hotel Moon Palace, una delle due sedi in cui si svolgerà la conferenza stessa. Con un'estensione di 2.500 metri quadri, l'impianto non fornirà soltanto 220 MW di energia ogni anno – evitando così l'emissione in atmosfera di 110 tonnellate di CO2 – ma costituirà anche il primo (e unico) progetto a energia solare con tecnologia a film-sottile del Messico. Un risultato positivo, merito anche dell'Italia.

Il progetto, infatti, è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra il Ministero dell'Ambiente italiano e la Secretaría de Recursos Naturales y Medio Ambiente (SEMARNAT) messicano, e, come spiega Nicola Melchiotti, direttore di Enel Green Power in Messico, unisce una tecnologia di ultima generazione con un meccanismo di cooperazione tra il settore pubblico e l'iniziativa privata. Una tecnologia che, come si legge nel comunicato stampa, è stata fornita dall'azienda Uni-solar.

Uni_solar_thin_film

I suoi pannelli solari sono famosi in tutto il mondo per la cosiddetta triple junction che li contraddistingue: in pratica, le celle solari si dividono in “blu”, “green” e “red”, assorbono una quantità di radiazione solare maggiore dei comuni pannelli, e permettono così rese più elevate. L'impianto dovrebbe inoltre garantire una buona resa anche in condizioni climatiche pessime, nonché resistere a eventi estremi come gli uragani e i tifoni, piuttosto frequenti nella penisola dello Yucatan.

Questa installazione FV rafforza ulteriormente il nostro rapporto di collaborazione con Enel Green Power”– commenta Maarten van Cleef, Vicepresidente Sales Sud Europa per United Solar Ovonic,“Essere stati scelti ancora una volta per la realizzazione di un importante progetto è per noi motivo di grande orgoglio. Oltre a darci l’occasione di firmare un vertice internazionale che vedrà tra i temi principali proprio lo sfruttamento delle energie rinnovabili, è una testimonianza concreta della qualità e dell’affidabilità della nostra tecnologia a film-sottile tripla giunzione. I moduli UNI-SOLAR® sono stati scelti per la loro leggerezza (11 kg per metro quadrato era il massimo carico possibile sul tetto dell’hotel) e per la loro capacità di resistere alle estrazioni del vento. Una caratteristica, quest’ultima, particolarmente rilevante in aree come quella del Golfo del Messico. Anche quando l’uragano Paula ha attraversato la regione durante la prima fase di installazione, non abbiamo riportato alcun danno. I nostri moduli sono, infatti, testati per resistere a venti fino a 200 Km/h”.

La COP 16, questo il nome in codice della conferenza, comincerà il prossimo lunedì e si concluderà venerdì 10 dicembre. Dopo il fallimento di Copenhagen, i riflettori stanno per riaccendersi sull'evento: ma ad alimentarli, questa volta, sarà l'energia solare.

Roberto Zambon





 

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog